Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Attualità  >  Current Article

Gran Bretagna: pub storici e tradizione del the in profonda crisi

By   /   14 Agosto 2016  /   Commenti disabilitati su Gran Bretagna: pub storici e tradizione del the in profonda crisi

BirraQuando si pensa alla Gran Bretagna, l’immaginario collettivo porta immediatamente a due grandi prodotti: la birra e il the. Purtroppo anche questi due capisaldi della cultura britannica rischiano di cadere a causa della crisi, del cambio di tradizioni e della globalizzazione.

Infatti secondo la Camra, Campaign of Real Ale, gli storici pub inglesi si ritrovano ad affrontare una profonda crisi, arrivando alla spaventosa cifra di 21 chiusure settimanali. La prima causa di questa difficoltà è senza dubbio l’aumento del costo di una pinta di birra, passata dalle 1,78 sterline del 2000, poco più di 2 euro, a 3 pound, quasi 3,50 euro. Aggiungete che inglesi e scozzesi raramente si fermano ad una pinta soltanto e il quadro è completo. Proprio per questo motivo sempre più sudditi della corona preferiscono comprare la loro birra nei discount, in grado di fornirla a prezzi molto bassi, per risparmiare qualche sterlina.

L’altra grande bevanda che sta subendo un brusco calo delle vendite è il the, che segna un -14% di vendite tra il 2013 e il 2015 e anche nei primi mesi del 2016 conferma questo trend negativo. Il problema di questo calo è dovuto alle giovani generazioni che tendono a snobbare l’abitudine prettamente british di una tazza di the, preferendogli altri tipi di bevande. Infatti solamente il 16% dei giovani tra i 16 e i 34 anni conserva ancora questa abitudine. Le motivazioni di questa percentuale sono dovute al maggiore appeal di altre bevande, ma soprattutto l’idea che il the possa macchiare i denti.

Nessuno, neanche il più creativo bookmakers, avrebbe mai scommesso su uno scenario di questo tipo, ma questa è la dimostrazione che globalizzazione e crisi possono far scricchiolare anche le tradizioni più antiche e radicate.

    Print       Email

You might also like...

Una tigre del Bronx Zoo è risultata positiva al coronavirus

Read More →