Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Breexit: è iniziata la “lurida” campagna per il referendum del 23 giugno

By   /   29 Maggio 2016  /   Commenti disabilitati su Breexit: è iniziata la “lurida” campagna per il referendum del 23 giugno

Cameron 3E’ iniziata con toni violenti sin dalle prime battute la campagna elettorale per il referendum del 23 giugno p.v., quando i cittadini britannici saranno chiamati a esprimere la loro volontà sul rimanere o uscire dall’unione Europea.

Venerdì scorso è stato ufficialmente dato il via alla campagna referendaria, e il Presidente della Commissione Parlamentare del Tesoro, Andrew Kyrie, ha voluto subito gettare acqua sul fuoco dei Favorevoli (Remain) e dei Contrari (Leave). Nel suo comunicato sul web si è infatti così espresso: ”La corsa armata con luride affermazioni e contro affermazioni, fatte da entrambe le parti non solo confonde il pubblico, ma impoverisce il dibattito politico. Oggi è il primo giorno della campagna referendaria e bisogna che inizi senza ricorrere alle fuorvianti e a volte fasulle affermazioni di cui invece la gente è quotidianamente imbottita”.

Sul fronte dei Contrari circolano, ad esempio, voci che l’uscita dall’Unione Europea farà risparmiare circa 350 milioni di sterline a settimana, soldi che invece potranno essere spesi per ospedali e scuole. I Favorevoli invece controbattono dicendo che l’uscita costerà il posto di lavoro a 3 milioni di persone legate all’economia e al commercio con l’Europa, oppure che ogni famiglia perderà circa 4.300 sterline all’anno.

Tesi che il Comitato ritiene altamente “fuorvianti”, e ribadisce che altre argomentazioni circa i prestiti bancari, le pensioni, gli stipendi e il costo delle case, sono tutte molto delicate e devono essere affrontate da personale qualificato e spiegate con chiarezza, perché possono facilmente essere fraintese e manipolate.

Questo è solo l’inizio di una campagna referendaria che è già incandescente…e come dice un vecchio proverbio “dal mattino si vede il buon giorno”.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Baghouz e la questione dei “foreign fighters”

Read More →