Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

La detenzione di Breivik inumana, la Norvegia ricorrerà in appello

By   /   26 Aprile 2016  /   Commenti disabilitati su La detenzione di Breivik inumana, la Norvegia ricorrerà in appello

Anders BreivikLa notizia della vittoria giudiziaria di Anders Breivik nei confronti dello stato norvegese ha fatto il giro del mondo. Tutti si sono chiesti come è possibile giudicare “condizioni di detenzione inumane” cinque anni di isolamento per un uomo che ha fatto esplodere il palazzo che ospita i più importanti uffici governativi, che arrivato sull’isola di Utoya ha massacrato ragazzi e ragazze a colpi di arma da fuoco, che non ha avuto pietà dei feriti giustiziati con un colpo alla nuca e che durante il processo ha avuto l’ardire di fare il saluto romano di fronte alla corte?

A quanto sembra neanche la Norvegia, attraverso le parole del ministro della Giustizia Anders Anundsen, accetta un simile giudizio ed infatti ha annunciato che lo Stato ricorrerà in appello.

Perché è vero che Breivik ha vissuto i suoi ultimi cinque anni di vita senza poter avere nessun contatto con l’esterno e ricevendo le visite solo di professionisti, ma la sua “prigione” è un mini appartamento di 31 metri quadrati composto di camera da letto, stanza palestra e stanza lavoro, con angolo cottura e servizi. Inoltre dispone di tv, playstation e di un computer senza accesso ad internet. Per questo trattamento “inumano” la corte presieduta dalla giudice Sekulic ha condannato lo stato della Norvegia all’indennizzo di 330 mila corone, circa 35 mila euro, nei confronti del più pericoloso criminale del Paese scandinavo.

Fortunatamente ci sarà un appello e questa decisione nei confronti di un assassino capace di uccidere 77 persone in un giorno solo e condannato a 21 anni, il massimo secondo in codice penale norvegese, potrà essere rivista rispettando il dolore di tutti i familiari delle persone cadute sotto la mano di Brevik.

    Print       Email

You might also like...

Kosovo: cambio del contingente italiano del Regional Command West

Read More →