Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Current Article

L’emergenza Zika è tutt’altro che conclusa

By   /   13 Aprile 2016  /   Commenti disabilitati su L’emergenza Zika è tutt’altro che conclusa

ZikaL’emergenza Zika è tutt’altro che finita.

Proprio per questo motivo l’11 aprile si è tenuto alla Casa Bianca, un briefing sull’argomento. Gli esperti del CdC hanno lanciato l’allarme sull’impatto che la malattia sta avendo negli USA. Infatti il problema principale non è quello di debellare i vettori dell’infezione, per il quale sono stati stanziati 589 milioni di dollari, ma soprattutto arginare e porre rimedio all’ampia serie di difetti congeniti associabili ad essa. Ad oggi, sempre secondo i dati del CdC, i contagi in America sono stati 346, tutti dovuti a viaggi in Paesi a rischio. Per contrastare la Zika ad inizio anno, il presidente Obama aveva chiesto uno sforzo pari a quasi 2 miliardi di dollari, ma attualmente le previsioni vedono disponibile la produzione di un vaccino solamente nel 2018.

Nel frattempo la malattia continua ad espandersi arrivando a conteggiare 33 Paesi dell’area delle americhe. Ad aggravare ancora di più il quadro della situazione ci ha pensato il team di neurologi del Restoration Hospital di Recife in Brasile, che al congresso dell’American Academy of Neurology a Vancouver hanno presentato i risultati di alcune ricerche che dimostrano l’insorgenza di una sindrome autoimmune in 151 pazienti colpiti dal virus. Questa nuova malattia, associata alla Zika, colpisce il cervello e il midollo spinale e può generare un attacco del sistema immunitario contro il sistema nervoso centrale causando conseguenze molto pericolose e debilitanti.

Dal momento dell’insorgenza fino ad aprile 2016 la presenza dell’infezione è stata documentata in 62 Paesi, di cui 5 hanno segnalato la conclusione del focolaio e altri 6 hanno notificato il contagio attraverso rapporti sessuali. L’ultimo Paese ad aver segnalato il contagio attraverso puntura di zanzara è il Vietnam.

    Print       Email

You might also like...

Conoscere e contrastare il Jihadismo

Read More →