Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Cuba. Storico incontro tra Obama e Castro ma le differenze permangono

By   /   22 Marzo 2016  /   Commenti disabilitati su Cuba. Storico incontro tra Obama e Castro ma le differenze permangono

Obama e Raul CastroL’incontro “storico” è avvenuto, ma le differenze e le difficoltà permangono. Cuba insiste sulla restituzione di Guantanamo e sull’embargo che ancora continua ad essere in vigore; gli Stati Uniti sulle violazioni ai diritti umani da parte del governo cubano.

La ripresa delle relazioni diplomatiche, interrotte 88 anni fa (nel 1928), rappresenta senza dubbio un grande passo in avanti e in questo senso il viaggio del Presidente Obama è da definire “storico”. Tuttavia, il Congresso degli Stati Uniti non ha ancora né tolto l’embargo a Cuba né restituito Guantanamo ai cubani, nonostante lo stesso Presidente Obama si sia espresso in modo favorevole e ne abbia sollecitato la soluzione.

La baia di Guantanamo fu affittata nel 1903 ad un prezzo irrisorio di poco più di 4.000 dollari all’anno e da allora, anche se dopo la rivoluzione del 1959 l’Avana ne ha chiesto la restituzione, Washington non ha mai dato seguito a tali richieste e anzi nel 2002 sotto l’Amministrazione Bush l’ha resa campo di prigionia per terroristi o ritenuti tali.

L’embargo continua ad incidere direttamente sulla qualità della vita dei cubani poiché si riflette sulla sicurezza e sullo sviluppo sociale: scolarizzazione, cure sanitarie, alimentazione e lavoro.

Per quanto riguarda i diritti umani, su cui gli Stati Uniti insistono, il Presidente Castro ha voluto sottolineare che nessun Paese al mondo si attiene agli standard internazionali o può dirsi esente da colpe, e di conseguenza, nessuno ha il diritto di puntare il dito verso gli altri.

In sintesi, alla conferenza stampa, presso il Palazzo della Rivoluzione all’Avana, i due presidenti Barack Obama e Raul Castro hanno espresso la volontà di continuare sulla strada intrapresa del processo di normalizzazione nel reciproco rispetto della sovranità nazionale.

Distruggere il ponte che abbiamo gettato sarebbe facile invece speriamo che le basi siano solide e durature. Spero in un nuovo tipo di relazioni, uno che non è esistito prima”, così ha concluso il Presidente Castro.

Il Presidente Obama continuerà la sua visita in America Latina e la prossima tappa è l’Argentina.

di Vito DiVentura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →