Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Siria. L’ONU condanna il bombardamento della periferia di Damasco

By   /   2 Febbraio 2016  /   Commenti disabilitati su Siria. L’ONU condanna il bombardamento della periferia di Damasco

Bombardamento su DamascoUn triplice bombardamento ha colpito il distretto a maggioranza Sciita alla periferia della capitale, Damasco, uccidendo 76 persone e ferendone oltre cento.

Lo Stato Islamico ha subito reclamato la responsabilità dell’atto, ritenendolo di successo in quanto, oltre a provocare morti e danni, ha colpito la capitale e, quindi, ha evidenziato la vulnerabilità dello Stato siriano.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, riunito per l’emergenza, ha condannato all’unanimità gli attentati, definendo la presenza dello Stato Islamico un impatto negativo, di ideologia estremista e violenta tendente a destabilizzare ancor più la situazione nel Paese e nella regione. I 15 membri del Consiglio hanno inoltre ribadito che il terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni costituisce una delle minacce più pericolose per la pace e la stabilità internazionale.

L’attacco coincide con l’inizio dei colloqui di pace per la Siria a Ginevra. Colloqui che sono iniziati già lo corso venerdì, nel tentativo di giungere entro 6 mesi ad un accordo tra tutte le parti in causa, governo e gruppi di oppositori, per porre fine ad una guerra che dura ormai da 5 anni e che ha mietuto migliaia di morti (oltre 250 mila) e milioni di profughi.

La condanna, ancorché ferma e unanime, rientra nella logica della diplomazia internazionale, ma sul campo il risultato è che lo Stato Islamico continua a portare avanti i propri obiettivi, mentre la coalizione si limita a qualche raid aereo e niente più.

Nonostante le dichiarazioni di condanna, infatti, non si è ancora formata una vera coalizione di “volontà” tra tutte le nazioni del mondo, in grado di mettere sul terreno un esercito capace di sconfiggere i militanti islamici dell’IS. Se è vero, come dice l’ONU, che questo terrorismo minaccia la pace e la stabilità del mondo intero, allora il mondo intero dovrebbe unirsi alla lotta senza distinguo, come invece si continua a fare.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Kim Jong un torna a far parlare di sé

Read More →