Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Il giornale tedesco si scusa per le foto pubblicate ieri

By   /   11 Gennaio 2016  /   Commenti disabilitati su Il giornale tedesco si scusa per le foto pubblicate ieri

Wolfgang Krach

Wolfgang Krach

Il giornale tedesco Sueddeutsche Zeitung si è scusato con i suoi lettori per le foto razziste pubblicate ieri, in prima pagina sull’edizione del week-end, sugli episodi avvenuti a Colonia.

L’editore, Wolfgang Krach, ha risposto ieri su sito Facebook alle numerose accuse di “sessismo e razzismo” per le foto che mostravano un uomo di colore con le mani tra le gambe di due ragazze bianche. Secondo il direttore, il giornale intendeva invece mandare il messaggio che “la violenza sessuale contro le donne non è solo l’aggressione fisica, ma parte dalla mente e dalle idee….Ci scusiamo se abbiamo offeso sentimenti dei lettori e chiediamo scusa”.

Intanto, alla polizia di Colonia sono giunte oltre 500 denunce di violenze subite a Capodanno, quando circa un migliaio di uomini di colore hanno circondato, molestato e derubato moltissime ragazze tedesche. La polizia ne ha identificati una trentina, molti dei quali hanno chiesto asilo politico.

Per il Ministro della Giustizia, Heiko Maas, le violenze sessuali di Colonia sono state “preparate da tempo e coordinate” da giovani di colore che secondo testimoni e vittime, dovevano provenire dal mondo arabo o dal Nordafrica.

Il Ministro dell’Interno tedesco, Thomas de Mazziere, ha tenuto a sottolineare che questo non si dove tradurre in un atteggiamento di sospetto nei confronti di tutti i rifugiati. Tuttavia, la Cancelliera, Angela Merkel ha annunciato che saranno prese misure forti contro i rifugiati criminali. “Ciò che è avvenuto a Capodanno è inaccettabile, lo stato non può accettare tali atti criminali. Dobbiamo riferirci a quelli che sono i valori fondamentali del vivere comune in Germania e del diritto che i cittadini si attendono che alle parole seguano i fatti. Dobbiamo costantemente considerare che sia fatto tutto il necessario in termini di procedure di espulsione per inviare un chiaro messaggio a quanti non rispettino le nostre leggi”.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Il Jihad: Guerra Santa? Un concetto tanto abusato quanto poco conosciuto

Read More →