Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Copa América – Girone B, i verdetti: El Pipita fà brillare l’Argentina. Paraguay e Uruguay ‘a salve’

By   /   21 Giugno 2015  /   Commenti disabilitati su Copa América – Girone B, i verdetti: El Pipita fà brillare l’Argentina. Paraguay e Uruguay ‘a salve’

collageSi va delineando il tabellone della fase ad eliminazione diretta della Copa América. L’ultima giornata del Gruppo B ha decretato le due/tre squadre che faranno compagnia a Cile e Bolivia negli quarti di finale. Come da prassi quando si parla di calcio a quelle latitudini, le sorprese non sono mancate. Andiamole a scoprire.

FINALE SCONTATO – La favoletta che non sempre i migliori vincono, almeno nel calcio, raramente si concretizza. Alla fine dei 90′, di norma, i valori assoluti escono fuori e – in questo caso – Argentina-Giamaica non ha disatteso questo teorema. È durato appena 11 minuti il ‘ballo da sogno’ dei giamaicani a cospetto della corazzata argentina: una gemma del Pipita Higuain ha spezzato prematuramente l’incantesimo che avrebbe dovuto stregare la porta della ‘Cenerentola caraibica’. Nel giorno della 100 gare di capitan Messi con La Selecciòn, le copertine sono tutte per il bomber del Napoli. Un’altra bocca da fuoco che si ‘incendia’ dunque. In attesa che si sblocchi anche gente del calibro Di Maria e Tevez, la squadra del Tata Martino pare aver cambiato passo, virando decisamente verso la rotta del successo finale. Per la ‘piccola’ Giamaica una prestazione ordinata e coraggiosa, giusto corollario per un torneo quantomeno dignitoso.

RIVINCITA SFIORATA – La vendetta è un piatto che va consumato freddo, e dalle parti di Asunciòn questa è una massima che devono conoscere bene. Un pomeriggio come quello di La Serena, il Paraguay intero lo aspettava da ben quattro anni; da quella finale di Buenos Aires persa nettamente (3-0) contro lo stesso avversario di ieri: in palio c’era infatti la possibilità di rispedire a casa l’Uruguay campione in carica. Se la gara della Celeste contro l’Albiroja di Ramòn Diaz non è stata una disfatta piena poco ci è mancato. Cavani e compagni hanno faticato tremendamente a contenere la garra degli avversari; il gol del difensore dell’Atletico Madrid Gimenez aveva illuso gli uruguaiani di poter agganciare addirittura il secondo posto in classifica; ci ha pensato – quasi immediatamente – il giramundo Lucas Barrios (12 club nei 12 anni di carriera in 3 continenti) a rimettere la gara in equilibrio. La regola della Copa che concede alla migliore terza di venire ripescata, con il passare del tempo, ha convinto entrambe le compagine ad optare per il ‘biscotto in salsa sudamericana’, estromettendo, di fatto, l’Ecuador e, quasi certamente, la terza del Gruppo C in virtù della classifica avulsa favorevole ai ragazzi di Tabarez.

    Print       Email

You might also like...

Qualificazioni Europeo 2020, Italia – Finlandia

Read More →