Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Yemen. Circa 11 milioni di persone rischiano di morire di fame

By   /   16 Aprile 2015  /   Commenti disabilitati su Yemen. Circa 11 milioni di persone rischiano di morire di fame

yemen-refugeeLe Nazioni Unite hanno lanciato l’allarme. Secondo la FAO (Food and Agricolture Organization) la crisi nello Yemen ha provocato un enorme flusso di rifugiati e circa 11 milioni di persone sono in pericolo, di cui circa 5 milioni rischiano di morire di fame.

Per l’Ufficio di Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA – Office for the Coordination of Humanitarian Affairs) delle Nazioni Unite la situazione è resa ancora più esasperata dalla sospensione dei voli commerciali e l’impossibilità di accedere al porto per via degli scontri armati, che impediscono l’afflusso di personale e la distribuzione di viveri proprio nelle zone di maggiore necessità.

Nonostante queste difficoltà, un secondo aereo della UNICEF (UN Children Fund) è riuscito ad atterrare all’aeroporto internazionale della capitale, Saana, portando 76 tonnellate di antibiotici, siringhe e fasciature e altro materiale sanitario.

Per la World Health Organization (WHO), finora il conflitto ha provocato la morte di oltre 800 persone e il ferimento di circa 3 mila. Per l’agenzia per i Rifugiati UNHCR (UN Refugees Agency), nelle ultime 2 settimane oltre 1.300 persone sono giunte nei campi profughi di Gibuti e Somalia, mentre si ritiene che nei prossimi 6 mesi i rifugiati saranno, rispettivamente, oltre 30 mila e 100 mila.

Intanto, l’Arabia Saudita, per bocca del suo Ambasciatore negli Stati Uniti, Adel al-Jubeir, ha fatto sapere che la campagna contro il gruppo Houthi è stata “molto efficace e ben oltre le previsioni”. Nelle ultime 3 settimane sono state distrutte moltissime infrastrutture militari di Houthi e possedimenti dell’ex presidente Ali Adìbdullah Saleh, a cui il gruppo è fedele.

di Vito Di Ventura

foto: MOHAMMED HUWAIS/AFP/Getty Images

    Print       Email

You might also like...

Francia e Turchia sempre più ai ferri corti

Read More →