Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Yemen. Ad un passo dalla guerra civile

By   /   23 Marzo 2015  /   Commenti disabilitati su Yemen. Ad un passo dalla guerra civile

Abd Rabbuh Mansur HadiLo Yemen coma la Siria o la Libia. Il Presidente Abd Rabbuh Mansur Hadi costretto a trasferirsi con il suo governo ad Aden, la seconda città dello Yemen, dichiarata capitale provvisoria.

La notizia è stata data al Consiglio di Sicurezza, riunito in seduta straordinaria per discutere proprio della situazione nello Yemen, dal delegato all’ONU Jamal Benomar, in un collegamento video da Doha, capitale del Qatar.

Il Presidente Hadi ha denunciato l’occupazione della capitale da parte del gruppo sciita Houthi, come “un colpo di stato contro la legittimità costituzionale”, ed ha intimato ai militanti di lasciare la capitale e i vari ministeri.

Il gruppo sciita Houthi, sostenuto da Teheran, è entrato nella capitale Sanaa già lo scorso settembre, ma non è riuscito ad espandersi verso le regioni centrali e meridionali del Paese, dove ha incontrato forti resistenze da parte delle potenti tribù Sunnite, alcune legate alla rete di al-Qaida.

Lo Yemen, come è noto, è la base di al-Qaeda nella Penisola Arabica (AQAP), una potente costola di militanti jihadisti che hanno condotto diversi attacchi suicidi contro i sostenitori del gruppo Houthi. Attualmente però i terroristi dello Stato Islamico stanno guadagnando consensi e territori.

La città di Aden è in gran parte favorevole al Presidente Hadi, ma molti sono agli ordini di Saqqad, un comandante fedele all’ex presidente Saleh. Questi è a capo di una speciale forza di polizia di circa 3 mila uomini e, all’inizio del mese, ci sono stati scontri tra le due parti. In particolare, il compound presidenziale dove si è rifugiato Hadi è stato attaccato da raid aerei per ben tre volte, costringendo il presidente legittimo a fuggire “in un luogo sicuro”.

Attualmente, quindi, nello Nello Yemen è terreno di scontro tra: le truppe fedeli al Presidente Hadi, il gruppo Houthi, al-Qaida nello Yemen, i militanti dello Stato Islamico e le truppe di Saqqad.

Per questo, ritenendo che la spirale di violenze e caos possano sfociare in un’imminente guerra civile, simile alla Siria o alla Libia, gli Stati Uniti hanno annunciato l’evacuazione del rimanente personale americano dallo Yemen.

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →