Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Svezia. Diversi morti in una sparatoria in un pub

By   /   19 Marzo 2015  /   Commenti disabilitati su Svezia. Diversi morti in una sparatoria in un pub

attentato in sveziaIeri è stata la giornata degli attentati. La mattina è iniziata con quello terroristico al Museo del Bardo in Tunisia, che ha provocato la morte di 22 persone, tra cui 4 italiani, ed è proseguita la sera in  Svezia con un attacco in un pub.

Non è ancora certo il numero delle vittime, di certo hanno perso la vita 2 ragazzi sui 20-25 anni e una quindicina di persone sono rimaste ferite, nella sparatoria avvenuta a Vårväderstorget nel Biskopsgården, quartiere residenziale di Hisingen, Göteborg.

La polizia ha fatto sapere che il bilancio delle vittime potrebbe essere destinato ad aumentare “Non c’è attualmente un quadro preciso degli infortuni e dei ricoverati presso i vari ospedali di Gothenburg. A causa del gran numero di feriti attualmente non può escludere la possibilità che qualcuno possa essere molto gravemente ferito”, ha detto il portavoce Bjor Blixer.

La sparatoria è avvenuta all’interno di un ristorante in una piazza. “ Due persone con kalashnikov sono entrate ed hanno iniziato a sparare”, ha riferito un testimone oculare che sedeva a un tavolo all’interno del ristorante.

Secondo la polizia, che ha già effettuato una decina di arresti, si tratterebbe di una gang locale che già in passato si è resa protagonista di episodi del genere. “Si tratta di giovani arrabbiati con le pistole che cercano di conquistare potere e territorio”, dice il portavoce Blixer.

Anche a gennaio scorso un uomo è stato gambizzato appena fuori di un ristorante a Vårväderstorget. L’uomo è stato colpito alla gamba destra. I residenti della zona hanno paura perché quasi con frequenza quotidiana avvengono atti di violenza.

Tra i due episodi di violenza, quello al museo del Bardo e questo al ristorante svedese, probabilmente non c’è alcun collegamento.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

La politica muscolare della Turchia destabilizza il Mediterraneo

Read More →