Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Netanyahu è giunto negli Stati Uniti per parlare al Congresso

By   /   2 Marzo 2015  /   Commenti disabilitati su Netanyahu è giunto negli Stati Uniti per parlare al Congresso

Netanyahu 2Il Primo Ministro Israeliano, Benjamin Netanyahu, parlerà martedì prossimo al Congresso degli Stati Uniti sulla questione nucleare iraniana e sui gruppi islamisti. Netanyahu è stato invitato dai Repubblicani, ma la sua visita non è stata concordata con l’Amministrazione Obama. Infatti, molti Democratici, come il Vice Presidente Joe Biden, non parteciperanno al suo discorso, che peraltro avviene a poche settimane dalle elezioni in Israele, previste per il 17 marzo.

Netanyahu è particolarmente preoccupato che il negoziato sul nucleare iraniano, condotto dal cosiddetto gruppo dei 5+1 – Gran Bretagna, Cina, Francia, Russia, Stati Uniti e Germania-, possa concludersi in via definitiva in modo favorevole per l’Iran. Secondo Netanyahu, infatti, il negoziato sta offrendo all’Iran la possibilità di minacciare Israele, poiché il regime entro pochi anni potrebbe avere la capacità industriale di costruire armi nucleari e di conseguenza rompere gli accordi.

Prima di partire per Washington, Netanyahu ha descritto il suo viaggio “speranzoso e storico” ed ha concluso dicendo: “Sono sinceramente preoccupato per la sicurezza del popolo israeliano e farò tutto ciò che è nelle mie possibilità per garantire la sicurezza del nostro futuro”.

In realtà, quello che maggiormente preoccupa il popolo israeliano è il crescente aumento del costo della vita e, soprattuto, dei prezzi delle case, che rappresentano il principale motivo della crisi della coalizione di governo.

Per Zehava Gal-On, leader del partito di sinistra Meretz, “Dopo 6 anni di governo Netanyahu, l’Iran è diventata la scusa per qualsiasi cosa. Per lui le elezioni sono un referendum sull’Iran”.

Il Primo Ministro Israeliano parlerà oggi al più grande gruppo d’interesse ebraico presente negli Stati Uniti, l’American Israel Public Affairs Committee, dove interverrà anche Susan Rice, consulente sulla sicurezza nazionale del Presidente Obama, secondo quale la visita di Netanyahu è “distruttiva per le relazioni tra USA e Israele

A queste parole hanno fatto eco quelle del portavoce del Presidente iraniano, Hamid Abutalebi, che, secondo quanto riportato dall’agenzia iraniana Fars, ha sottolineato come il discorso di domani al Congresso “aumenterà le distanze tra Israele e i suoi alleati a beneficio dell’Iran… il mondo attende un discorso di pace e questo viene dai negoziati e non da quello di Netanyahu al Congresso”.

Il Presidente Obama non incontrerà Netanyahu perché per la Casa Bianca è usanza non incontrare i leader politici in prossimità di elezioni.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

USA ed Europa sempre più distanti

Read More →