Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Il macellaio di IS ha un nome

By   /   27 Febbraio 2015  /   Commenti disabilitati su Il macellaio di IS ha un nome

macellaio ISISJohn il Jihadista”, il macellaio mascherato che con il coltello minaccia l’Occidente e poi sgozza l’ostaggio ha un nome. Si tratta di Mahammed Emwazi, noto ai Servizi londinesi da oltre 6 anni.

La notizia è stata riportata dai principali quotidiani Britannici, senza citare la fonte. La polizia metropolitana di Londra non ha confermato la notizia che si tratti appunto di Emwazi, un giovane di origini kuwaitiane cresciuto nei quartieri ovest di Londra.

In questo momento, non confermiamo l’identità di nessuno e non diamo alcun aggiornamento né i risultati delle indagini fatte nel contro terrorismo”, ha dichiarato alla stampa il Comandante del Contro Terrorismo della Polizia Metropolitana, Richard Walton.

Emwazi, che dovrebbe avere circa 25 anni, è stato identificato da amici e altri familiari, uno dei quali, vicino al Washington Post, ha detto al giornale che “Non ho dubbi che Mohammed sia John il Jihadista”. Ma è stato identificato anche da Shiraz Maher,un esperto anti terrorista che lo ha scritto in un suo tweet.

Mahammed, nato da una famiglia della media borghesia e in possesso di un diploma in programmazione di computer, si è recato in Siria nel 2012. Sembra che abbia abbracciato il radicalismo religioso dopo essere stato detenuto con l’accusa di cercare di entrare in Somalia attraverso la Tanzania.

John il Jihadista è responsabile dell’uccisione dei giornalisti americani James Foley e Steven Sotloff, di David Haines e Allan Henning, due volontari britannici, e di Abdul-Rahman Kassig, un altro volontario americano. Inoltre, è apparso nel video con gli ostaggi giapponesi Haruna Yukawa e Kenji Goto, prima che fossero ammazzati.
L’intelligence britannica ritiene che risiano almeno 500 militanti di IS di origine Britannica.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

La politica muscolare della Turchia destabilizza il Mediterraneo

Read More →