Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Libri  >  Current Article

La storia dell’Afghanistan attraverso le trame dei suoi tappeti

By   /   19 Gennaio 2015  /   Commenti disabilitati su La storia dell’Afghanistan attraverso le trame dei suoi tappeti

tappetoSi può ricostruire la storia di un Paese attraverso le trame dei suoi tappeti?

A quanto pare per l’Afghanistan questo è possibile. La cultura afghana è strettamente legata alla tessitura dei tappeti. Sui tappeti gli afghani ci hanno dormito. Con i tappeti si sono coperti dal freddo. Sopra vi hanno mangiato e pregato. Ma attraverso i tappeti hanno anche raccontato la propria storia.

È quanto racconta Edoardo Marino nel suo libro “Guerre a tappeto – Storia dell’Afghanistan nelle trame dei tappeti di guerra” (GB EditoriA).

Il tappeto orientale che per molti occidentali è un semplice complemento di arredo per i musulmani ha un significato molto più profondo ed è un mezzo di elevazione spirituale. Dal tappeto sul quale giocava da bambino è nata la passione dell’autore per questi oggetti. A sedici anni iniziò a lavorare in un negozio di tappeti orientali e fu lì che per la prima volta entrò in contatto con i tappeti di guerra. Con l’occupazione sovietica del 1979 infatti i mujaheddin iniziarono a far realizzare i tappeti di guerra come segno di protesta e propaganda facendo tessere simboli guerreschi. Al posto delle armonie geometriche fecero la loro comparsa kalashnikov, bombe a mano, carri armati, elicotteri.

I tappeti diventano strumento di comunicazione per far comprendere alla popolazione lo stato di assedio e incitare il popolo ad armarsi contro l’invasore.  Dopo l’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre sui tappeti sono apparse le Torri Gemelle e le bandiere Usa affiancate da quelle afghane. Gli estremisti islamici continuano a farne mezzo di proselitismo diffondendo sentimenti di odio e terrore in nome del jihadismo. L’autore, che è stato in Afghanistan, prima a Kabul e poi ad Herat, racconta nel libro come ancora oggi, ad intrecciare tappeti siano bambini anche piccolissimi costretti per ore ad annodare seduti al telaio.

Da questo suo spiccato interesse per la storia che i tappeti raccontano e dal legame che lo unisce all’Afghanistan e alla sua gente è nata l’associazione CooperAction promotrice della campagna di sensibilizzazione “Calpesta la guerra”.

    Print       Email

You might also like...

American Gods

Read More →