Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Musica  >  Current Article

Matera, presenta “Yeros”, il concerto di Petraroli

By   /   14 Dicembre 2014  /   Commenti disabilitati su Matera, presenta “Yeros”, il concerto di Petraroli

Maestro Petraroli 3 - Ph. Carlos Solito©Sarà, per tutti i presenti, un suggestivo viaggio nelle viscere di una terra antichissima divenuta Capitale europea della Cultura 2019, un concerto che darà musica ai “sassi” di Matera. A dare “vita ai sassi”, sarà il celebre compositore, pianista e direttore d’orchestra Ciro Gerardo Petraroli, accompagnato dall’orchestra “Solisti Aureo Boròs” per presentare brani inediti con un nuovo genere musicale: “Darklassic”.

Sarete accompagnati in un suggestivo viaggio nelle viscere di una terra antichissima, fatta di miti e leggende, di quell’atmosfera attonita e di quel silenzio che assorda, dove, appoggiando l’orecchio su quei Sassi, si apre una porta interiore che dà ampio spazio e rilievo alla musicalità che avvolge, coinvolge e stravolge. Per una Matera che, che mantiene intatte le proprie radici.

E’ questo l’omaggio del celebre compositore Ciro Gerardo Petraroli alla città eletta Capitale europea della Cultura 2019, che si terrà nello splendido Teatro Duni di Matera, domenica 21 dicembre 2014, per il periodo pre natalizio.

Un concerto di musica “Darklassic” con il quale Ciro Gerardo Petraroli presenta un nuovo genere musicale che nasce da un connubio simbiotico tra la musica neo-classica con nuove sonorità e ritmi odierni, in cui la musica non rimane solo una realtà di ascolto, ma diviene portatrice di vibrazioni interiori, che evocano immagini del nostro profondo. Saranno così eseguiti dei brani inediti composti da Ciro Gerardo Petraroli a Matera, città che frequenta da quasi vent’anni ed in cui si esibisce per la prima volta, accompagnato dai “Solisti Aureo Boròs”. Questi i brani in programma per la serata: “Propaganda”, “Ishtar”, “V.i.t.r.i.o.l.”, “Imperet tibi dominus”, “L’immenso in noi”, “Babilonia La grande”, “Baphomet”, “Alchemist”, “Anael”, “Stonehenge”.

Chi è Ciro Gerardo Petraroli? Un musicista formatosi in vari conservatori internazionali, tra cui il conservatorio Mozarteum di Salisburgo, il conservatorio di Santa Cecilia a Roma ed il conservatorio Niccolò Piccinni di Bari, dove il Maestro Nino Rota lo scelse fra tanti per il proprio corso di composizione. Negli anni si afferma come pianista, compositore, direttore d’orchestra, viaggiatore, allievo pupillo di Nino Rota, autore di musiche per il cinema francese e americano, nonché studioso delle religioni. Dopo una lunga carriera concertistica accademica, si propone in concerti esclusivamente di proprie composizioni, con le quali getta le basi per un ponte tra la musica classica tradizionale ed una nuova linea musicale avvicinandosi alle espressioni della musica odierna in un neoclassicismo che rispecchia il carattere dei nostri giorni, in piena aderenza alle parole di Malraux che, parlando del futuro della musica, afferma: “Negli anni che verranno la musica sarà mistica o non sarà affatto”.

Gli stili eclettici compositivi dimostrano la natura poliedrica dell’artista: sinfonie per orchestra; concerti per pianoforte ed orchestra; per violino ed orchestra; sonate per pianoforte; musica da camera di stile 700; Lied e Romanze di puro lirismo; commenti musicali; colonne sonore in vari films francesi come “ Le Boulevard de Saint Michael” del regista Anton Dumas; musiche per danza classica, musica sperimentale e Afro-Rock Zuulu con Dumhishan Damlini di Johannesburg e il grande musicista e compositore sudafricano Msomi Welcome. Inizia la carriera concertistica a Johannesburg, dirige l’orchestra “The Civic Theatre” con Mister Tish Hughes quale direttore artistico.
Dirige a Cape Town al “Nico Malan Theatre Centre”, a Sun City, a Pretoria, a Dubai, a Pechino, a Roma, a Los Angeles, a Oslo, a Dusseldorf. Ha eseguito vari concerti in Europa con il baritono Avon Stuart di New York nel genere nero spirituals. Ha inaugurato il concerto d’ apertura nella stagione 2004 ad Amsterdam; nel Marzo 2005 ha diretto “ La Passione secondo Matteo” di Bach nella Basilica di Saint Paul a New York – Manatthan.

    Print       Email

You might also like...

Gibson e Chapter 11: dichiara fallimento lo storico produttore di strumenti musicali

Read More →