Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Sempre più turbolenti i rapporti tra Stati Uniti e Israele

By   /   31 Ottobre 2014  /   Commenti disabilitati su Sempre più turbolenti i rapporti tra Stati Uniti e Israele

John KerryA provocare l’ultima scintilla sono state le dichiarazioni di un anonimo dirigente dell’Amministrazione Obama rilasciate al giornale “The Atlantic”, in cui il Primo Ministro Israeliano Benjamin Netanyahu veniva definito “disgraziato, inaccettabile e dannoso…una cacca di gallina interessato solo a salvarsi politicamente la pelle”.

Il Segretario di Stato Americano John Kerry è immediatamente corso ai ripari e in una tavola rotonda organizzata dallo stesso giornale ha ribadito che le parole non riflettevano assolutamente il pensiero del suo ufficio né quello del Presidente.

Gli Stati Uniti continueranno a lavorare “con calma ed efficienza” per cercare di rilanciare il processo di pace con i Palestinesi in modo sensato e  imparziale, in quanto fattibile.

Crediamo ancora che sia fattibile (ndr, il processo di pace), ma ci vuole coraggio e determinazione” ha detto Kerry che ha proseguito sottolineando che: “Entrambi debbono però essere disposti un compromesso”.

Secondo Kerry i nuovi insediamenti non contribuiscono al processo, specialmente tenendo conto della crescita della popolazione araba e palestinese.

Nel suo ragionamento Kerry ha posto in evidenza il fatto che, per continuare ad essere uno stato ebraico, Israele deve accettare la soluzione dei due stati. Ragionando per assurdo Kerry ha infatti dimostrato come se così non fosse di dovrebbe accettare l’idea di un solo stato e questo significherebbe dare a tutti i cittadini pari dignità e diritto di voto. Questo potrebbe portare ad avere un primo ministro palestinese. Cosa che non potrà succedere.

Allo stesso tempo Kerry ha respinto l’idea che spetti a lui o al Presidente Obama definire l’accordo di pace, nel cui merito sono comunque state prodotte pile di documenti solo considerando quelli dall’inizio dell’anno.

Abbiamo bisogno di lavorare con calma e in modo efficace e condanniamo chi usa il linguaggio come ad esempio è stato utilizzato in questo articolo” ha concluso Kerry.

di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

I Pasdaran abbattono un drone americano

Read More →