Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

UK. Voto non vincolante a favore del riconoscimento dello Stato Palestinese

By   /   14 Ottobre 2014  /   Commenti disabilitati su UK. Voto non vincolante a favore del riconoscimento dello Stato Palestinese

palestinaCon 274 voti favorevoli e 12 contrari ieri il Parlamento Britannico ha approvato una mozione per il riconoscimento dello Stato Palestinese. Poiché la proposta è stata avanzata da Grahame Morris,  un parlamentare senza un ufficio nel principale partito di opposizione, i Labour, il voto non è vincolante per il governo.

La proposta tende a rafforzare la cosiddetta soluzione “Two-State for two peoples” che prevede uno Stato Palestinese indipendente insieme allo Stato Israeliano ad ovest del fiume Giordano.

I confini tra i due Stati sono ancora oggetto di negoziati, anche se i Paesi Arabi e i Palestinesi vorrebbero quelli ante 1967, cioè prima della guerra dei sei giorni in cui Israele occupò i territori del West Bank, la striscia di Gaza e le colline del Golan, mentre naturalmente Israele non accetta.

Le Nazioni Unite votarono una risoluzione in tal senso già nel 1974 “Peaceful settlement of the question of Palestine”. L’ultima risoluzione, nel 2013, è passata con 165 voti favorevoli contro 6 contrari e 6 astenuti. Hanno votato contro Canada, Israele, la Federazione degli Stati della Micronesia, le Isole Marshall, Palau e gli Stati Uniti.

Per il Ministro per il Medio Oriente, Tobias Ellwood, lo Stato Palestinese potrebbe essere riconosciuto ma nel momento opportuno: “L’aspirazione del popolo Palestinese non può essere completamente realizzata fino a che non si ponga fine all’occupazione e questo potrà avvenire solo attraverso i negoziati…La Gran Bretagna riconoscerebbe bilateralmente lo stato Palestinese se questo servisse a fare un passo verso la pace”.

La Svezia il mese scorso , dopo l’attacco israeliano a Gaza, ha fatto sapere che riconoscerà lo Stato Palestinese.

di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →