Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Hong Kong. Esplode la protesta

By   /   29 Settembre 2014  /   Commenti disabilitati su Hong Kong. Esplode la protesta

protesta a Hong KongEra una protesta annunciata. Già lo scorso 1° luglio, in occasione dell’anniversario della cessione di Hong Kong da parte Britannica alla Cina, avvenuta nel 1997 sotto l’accordo “una nazione, due sistemi”, in migliaia erano scesi, con striscioni e slogan, per le strade di Hong Kong per chiedere più democrazia.

Ieri, come allora, i manifestanti hanno chiesto di poter eleggere liberamente il proprio governatore che attualmente viene scelto da in Comitato di 1.200 persone, naturalmente pro-Pechino.

A giugno si era tenuto un referendum e circa 800 mila cinesi di Hong Kong si erano espressi a favore dell’elezione diretta del governatore. Pechino aveva, però, bollato il referendum come “invalido e illegale”.

La Cina ha promesso che nel 2017 lascerà scegliere ai residenti di Hong Kong i loro leader, ma, secondo Pechino, la lista dei candidati dovrebbe essere approvata dal governo centrale e questo genera la convinzione che solo le persone vicino al governo saranno eleggibili.

A onore del vero, va comunque detto che negli oltre 100 anni di dominazione Britannica, il governatore di Hong Kong non è mai stato eletto democraticamente ma imposto dalla Corona. E’, quindi, naturale che Pechino abbia continuato la tradizione, imponendo un suo candidato.

Ieri la polizia è però intervenuta pesantemente con gas lacrimogeni per disperdere la folla. Già nelle scorse settimane gli studenti avevano disertato le scuole, provocando dure reazioni del governo centrale.

La manifestazione è stata organizzata dal gruppo pro-democrazia “Occupy Central” che è riuscita a mobilitare migliaia di cittadini, anticipando la campagna di disobbedienza sociale che sarebbe dovuta iniziare il prossimo 1° Ottobre.

La città è rimasta paralizzata per molte ore. Sono stati cancellati oltre 200 corse di autobus, la metropolitana ha continuato a funzionare a molte uscite intorno ai luoghi della protesta sono state chiuse intorno al centro. La borsa ha aperto con un segno negativo dell’1,18%.

41 persone sono state portate in ospedale, mentre 78 sono state arrestate con l’accusa di assembramento non autorizzato, disordini e offese a pubblici ufficiali.

di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

Attacco Huthi al petrolio saudita

Read More →