Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Il Giappone verso capacità militari offensive?

By   /   13 Settembre 2014  /   Commenti disabilitati su Il Giappone verso capacità militari offensive?

Abe Shinzo 2E’ di questi giorni la notizia di possibili colloqui tra Stati Uniti e Giappone per un incremento, da parte di quest’ultimo, delle capacità militari in termini “offensivi”.

Questo significa la possibilità di proiettare le forze oltre i confini nazionali, capacità che invece non è prevista dall’attuale Costituzione di impronta pacifista.

La giustificazione di essere in grado di controbattere i missili balistici Nordcoreani non renderebbe la Cina meno preoccupata, anzi interpreterebbe la mossa come una minaccia diretta.

Non dimentichiamo, tra l’altro, che la Cina e la Corea del Sud hanno rivendicazioni territoriali nei confronti del Giappone e che i cinesi, in particolare, non hanno dimenticato le atrocità commesse dai giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale.

Già alcuni giorni fa c’è stata una ennesima polemica sollevata dalle parole del Premier cinese, Abe Shinzo, che ha voluto ricordare come “eroi” i militari caduti guerra oltre i confini nazionali. Ed è di ieri la notizia che, secondo un sondaggio condotto per 2 anni tra una serie di difficoltà diplomatiche nei due Paesi, oltre la metà dei cinesi, il 53,4%,  pensa che in un prossimo futuro ci sarà una guerra contro il Giappone, mentre solo il 29% dei giapponesi ritengono possibile un confronto militare.

Una capacità offensiva comunque cambierebbe la dottrina strategica del Giappone, ma anche il quadro dell’alleanza con gli Usa in cui l’America è la cosiddetta “Spada”, costituita dalle truppe avanzate e la deterrenza nucleare, mentre il Giappone opera lo “Scudo” difensivo.

In termini economici questo significherebbe miliardi di dollari per acquistare sistemi missilistici, sottomarini, missili cruise (tipo Tomahawk) e altri mezzi, materiali ed equipaggiamenti.

Senza dimenticare che i Giapponesi dispongono di mezza dozzina di navi, 16 sottomarini e 3 elicotteri da trasporto, mentre sono in costruzione altre navi. Inoltre, il Giappone sta comprando circa 42 F-35.

In definitiva, la politica del Premier Abe Shinzo è quella di ridisegnare le Forze Armate giapponesi con l’aiuto dell’America che però è combattuta tra il business con il Giapponesi e l’equilibrio diplomatico con i Cinesi.

di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

La politica muscolare della Turchia destabilizza il Mediterraneo

Read More →