Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Secondo Messaggio per l’America e per il mondo

By   /   3 Settembre 2014  /   Commenti disabilitati su Secondo Messaggio per l’America e per il mondo

PAGINA BIANCA.001 Il secondo messaggio per l’America e per il Mondo non è stato altro che una nuova barbara e atroce esecuzione di un altro giornalista americano, Steven Sotloff, di 31 anni, nativo di Miami.

Si tratta di un giovane freelance che scriveva per il Time e per un magazine il Foreign Policy (Politica Estera). Il giovane era scomparso in Siria nell’agosto del 2013 e ricomparso nel video che mostrava la decapitazione del primo giornalista americano, James Foley.

I militanti dello Stato Islamico hanno, inoltre, promesso di decapitare anche un cittadino britannico, David Cawthorne Haines, o altri ancora se il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, continua a bombardare convogli e nascondigli degli jihadisti.

Cosa dovrebbe fare l’Occidente e il mondo civile, secondo i militanti jihadisti? NULLA. Secondo loro, il resto del mondo dovrebbe lasciare che continuino a occupare le terre sottratte all’Iraq e alla Siria, epurare e massacrare i Cristiani e quanti si oppongono alla formazione del califfato e non si convertono all’Islam, ovvero alla loro idea di Islam, le cui leggi, fatte osservare a filo di lama di coltello, sono a base del loro governo.

In realtà l’Occidente e il mondo civile (Russia e Cina compresi) effettivamente non stanno facendo “Nulla”. Eccezion fatta per qualche bombardamento e per il lancio di beni di prima necessità alle popolazioni assediate, come nel caso della città di Amirli, dove, fino a ieri, circa 15 mila Shiiti Turkmeni vivevano nel terrore di essere sopraffatti. Con l’aiuto dell’Aviazione Americana, le forze Irachene sono riuscite a riconquistare la città.

Cosa dovrebbe fare effettivamente l’Occidente e il mondo civile? Innanzitutto, non dare loro lo spazio televisivo e l’onore delle prime pagine. Poi, coalizzarsi e riprendere il controllo dei territori occupati.

Siamo nell’anno 2014 e non è possibile assistere a scene degne del Medioevo. Occorre fare qualcosa di serio e subito. Non servono sanzioni ma azioni. Non si può permettere ad un manipolo di esagitati di soggiogare il mondo civile. di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →