Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Tecnologia  >  Current Article

SunSwift eVe, l’auto ad energia solare da record

By   /   4 agosto 2014  /   Commenti disabilitati su SunSwift eVe, l’auto ad energia solare da record

SunSwift eVeOramai è assodato. Solo l’energia elettrica potrà essere in grado di soppiantare il dominio dei motori a scoppio.

Proprio in questo senso un gruppo di studenti della University of New South Wales, in Australia, lavora alla ricerca per lo sviluppo di una vettura, completamente elettrica, in grado di ottenere prestazioni simili ai motori a combustibili fossili. Questi ricercatori sono riusciti ad infrangere il record, che durava da 26 anni, di velocità media su un percorso stabilito. Infatti la SunSwift eVe, ha percorso 500 km alla velocità media 100 Km/h, superando il precedente record di 73 Km/h sulla stessa distanza.

La SunSwift è un progetto che nel 2011 è entrato nel Guinees World Records come la macchina ad energia solare più veloce al mondo. La versione attuale, la quinta, promette un’autonomia di 800 Km e una velocità massima di 140 Km/h. Il motore completamente elettrico è alimentato da pannelli solari, per un peso di 60 Kg, e genera una potenza di 800 W. Il passo successivo per i ricercatori australiani sarà quello di ottenere l’omologazione per far sì che la vettura possa circolare sulle strade australiane.

Il Direttore del progetto e studente di ingegneria Hayden Smith, al termine del test, ha dichiarato “Il nostro record punta a stabilire un nuovo limite di mobilità per veicoli elettrici ad alta velocità, utilizzando una singola ricarica. Ci auguriamo che il risultato possa rivoluzionare l’industria dell’auto elettrica. Infatti la distanza di 500 km corrisponde alla percorrenza media percorsa in viaggio da un normale utente nell’arco di una giornata. Ed è anche un’ulteriore dimostrazione che un giorno potremmo tutti spostarci alla guida di auto come la nostra”.

Questo record è la dimostrazione che le auto ad energia solare non sono più un progetto utopico, ma sono pronte ad essere una realtà quotidiana.

    Print       Email

You might also like...

facebook

Zuckerberg ammette la responsabilità di Facebook sulle false notizie

Read More →