Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Viola Giramondo. Intervista a Teresa Radice e Stefano Turconi

By   /   25 Luglio 2014  /   Commenti disabilitati su Viola Giramondo. Intervista a Teresa Radice e Stefano Turconi

viola imageIn occasione dell’ultima Lucca Comics & Games ho avuto modo di intervistare Teresa Radice e Stefano Turconi, autori del bellissimo fumetto per ragazzi “Viola Giramondo”, volume della collana Tipitondi edito dalla casa editrice Tunué.

 

Parliamo di Viola giramondo, il vostro ultimo libro per ragazzi

Questo è un libro per ragazzi dai 9 anni in su. Viola vive insieme alla sua famiglia, dei circensi, e raccontiamo un’anno della vita di Viola, che come suggerisce il titolo del libro gira il Mondo insieme alla sua  famiglia. Durane questo viaggio Viola capisce che la sua non è una vita “ordinaria” e se inizialmente si sente un po “diversa” dagli altri bambini  con il passare del tempo inizia ad apprezzare il suo stile di vita alternativo.

Com’è nata l’idea per una storia così originale?

Dal nome della nostra bambina, Viola. All’inizio io non ero convinta di questo nome, e quindi me lo sono dovuta far piacere. Poi con il tempo, riflettendoci, sono giunta alla conclusione che Viola è: un fiore, uno strumento ed un colore. Tre cose belle, quindi perché non fare anche un fumetto con protagonista Viola?

viola1E l’idea del circo?

L’idea del circo è quella del viaggio, degli orizzonti aperti. Viola riesce ad avere una visione aperta del Mondo. Anche la sua famiglia è molto aperta e multietnica. Nel libro si parlano tante lingue diverse, quindi vi conviene dotarvi di dizionari, perché non abbiamo messo le traduzioni!

 

 

Dal punto di vista grafico?

Abbiamo usato matite colorate, colorate successivamente con photoshop. La scelta dei colori intensi, pastello serve a trasmettere il senso di ottimismo e di gioia che pervade Viola e la sua famiglia. Una scelta grafica viva e fresca, che secondo noi dona una freschezza straordinaria alla storia. Anche i balloon, sono realizzati solamente in bianco, diciamo che tutti i bordi, le gabbie sono state eliminate per realizzare un fumetto senza confini.

viola2Avete trovato un linguaggio grafico che rappresenta bene il tema del vostro fumetto.

Si abbiamo fatto un fumetto senza confini, non abbiamo messo “recinti neri”. Anche perché nel corso delle sue avventure Viola incontra tanti personaggi, senza conoscere chi siano, e ci diventa amica in maniera spontanea, per istinto. Personaggi magari agli antipodi come modi e come caratteri che però, ognuno a suo modo la arricchiscono.

Queste esperienze vissute nei primi capitoli le serviranno poi, nella parte finale della storia dove dovrà affrontare un sfida durissima, quella di dare l’ultimo saluto al vecchio nonno.

 

Avete inserito varie figure dell’arte nel fumetto. Questo essendo un libro dedicato ai più piccoli è, secondo me, importantissimo per stimolare la curiosità dei giovani lettori.

Si, inoltre questi personaggi spesso si “concedono” delle citazioni di altri autori. Un gioco che sicuramente stimolerà la curiosità dei lettori sia grandi che piccoli.

Adesso che è uscito Viola Giramondo state già lavorando a qualche nuovo progetto?

Noi siamo autori Disney, quindi siamo sempre alle prese con tante storie per Topolino e per le altre testate. Ovviamente tutti lavori all’insegna dell’allegria e del colore come Viola.

di Ruffino Renato Umberto

 

    Print       Email

You might also like...

Toomics e Prankster Comics insieme

Read More →