Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Videogiochi  >  Current Article

Transformers Rise of the Dark Spark, gli Autobot come ultima speranza

By   /   25 Luglio 2014  /   Commenti disabilitati su Transformers Rise of the Dark Spark, gli Autobot come ultima speranza

TransformersQuasi in contemporanea con l’uscita nelle sale cinematografiche di Transformers 4 L’era dell’estinzione, è stato lanciato anche il videogame al film associato. Transformers Rise of the Dark Spark, sviluppato da High Moon Studios e distribuito da Activision, cerca di distinguersi dalla trama cinematografica e regalare un’emozione di gioco originale.

Il punto di forza del titolo è sicuramente la trama, che segue la serie animata, nella quale i Decepticon tentano di appropriarsi del Dark Spark, un potentissimo artefatto, e sarà compito degli Autobot difendere la Terra. Il gameplay, della durata di circa 8 ore, è complesso. Infatti si passa dalla guida degli Autobot, al cercare di trasformare in realtà i malefici piani dei Decepticon. La quantità di robot utilizzati durante il gioco è molto ampia e non comprende solo i più noti, ma anche altri meno famosi. Molto tempo è stato dedicato alla possibilità di personalizzazione dei robot, ai quali verrà assegnata una cassa contenente armamenti speciale con l’avanzare dei livelli. L’accuratezza utilizzata per il gameplay, purtroppo non è stata usata anche per quanto riguarda la grafica, che lascia un po’ perplessi. La texture e le ambientazioni cittadine risultano piatte e non all’altezza delle grafiche HD dei titoli concorrenti. Stesso registro per quanto riguarda l’IA che non soddisfa minimamente, infatti sia nemici che compagni si espongono a situazioni pericolose deliberatamente costringendo il player a tornare sui propri passi. Attualmente in vendita per PS3, PS4, Xbox 360 e Xbox One.

In conclusione da un titolo come questo chiunque si sarebbe aspettato molto di più, anche visti gli ottimi risultati ottenuti con i capitoli precedenti.

    Print       Email

You might also like...

DESTIN(O) DA BOSS

Read More →