Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Ambiente  >  Current Article

FAO: foreste risorsa strategica

By   /   25 Giugno 2014  /   Commenti disabilitati su FAO: foreste risorsa strategica

Nel corso della conferenza che ha aperto l’Anno Internazionale delle Foreste la FAO ha presentato il rapporto “Lo Stato delle Foreste nel Mondo” (SOFO) con il quale ha illustrato un dato decisamente preoccupante: l’esistenza di milioni di persone che, pur svolgendo un ruolo essenziale nella gestione, nella conservazione e nello sviluppo sostenibili delle foreste mondiali (e che quindi dipendono dalle foreste per la propria sopravvivenza), non vengono tenuti nella giusta considerazione e spesso gli vengono negati i loro diritti ad usare e trarre benefici (socio-economici) dalle risorse forestali stesse.

E’ impressionante vedere quanto le foreste siano importanti nel contribuire a soddisfare i bisogni di base e i mezzi di sussistenza rurali. Senza dimenticare il loro ruolo di serbatoio di carbonio e di presidio della biodiversità. Voglio essere chiaro su questo: non possiamo assicurare la sicurezza alimentare e uno sviluppo sostenibile senza preservare le foreste e senza utilizzarne le risorse in modo responsabile” ha affermato il direttore generale della FAO Graziano da Silva. In molti paesi in via di sviluppo, l’energia da legno è, spesso, l’unica forma di combustibile accessibile e conveniente per la maggioranza della popolazione. Una famiglia su tre utilizza il legno come principale combustibile per cucinare. I dati forniti dal rapporto dicono che in 29 paesi, di cui 22 in Africa, l’energia da legno rappresenta più della metà della fornitura totale di energia. In Tanzania, per esempio, il legno come combustibile rappresenta circa il 90% del consumo totale di energia a livello nazionale.

L’energia da legno è essenziale per la sicurezza alimentare di miliardi di persone, ma le politiche forestali, energetiche e quelle sulla sicurezza alimentare raramente riconoscono pienamente questo contributo. C’è ancora molto da fare per migliorare la produzione di energia da legno e ridurre l’onere per le donne e i bambini, che raccolgono l’85% di tutta la legna da ardere a livello familiare. Secondo il rapporto, almeno 1,3 miliardi di persone, pari al 18% della popolazione mondiale, vivono in case di legno. Questo è particolarmente importante nei paesi meno sviluppati, dove i prodotti forestali sono di solito più convenienti rispetto ad altri materiali da costruzione. La produzione di materiali da costruzione, di energia da legno e di prodotti forestali non legnosi impiega in tutto il mondo almeno 41 milioni di persone nel settore “informale“, tre volte il numero di persone impiegate nel settore forestale ufficiale.

Le foreste svolgono anche molti servizi ambientali essenziali, come il controllo dell’erosione, l’impollinazione, il controllo di parassiti e malattie naturali e la mitigazione del cambiamento climatico, oltre a fornire numerosi servizi sociali e culturali. La FAO affronterà queste e altre importanti questioni relative alla nutrizione nella Conferenza internazionale intergovernativa (ICN2) organizzata congiuntamente con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che si terrà presso la FAO dal 19 al 21 novembre 2014.

Il nuovo rapporto della FAO sottolinea che dare alle comunità locali e alle famiglie l’accesso alle foreste e al mercato oltre che rafforzare i diritti fondiari di possesso sono modi importanti di incrementare i vantaggi socio-economici delle foreste e ridurre la povertà nelle aree rurali. “Nel corso dell’Anno Internazionale delle Foreste sarà importante riuscire a mettere in evidenza il rapporto che esiste tra le persone e le foreste ed i benefici che possono derivare quando le foreste sono gestite dalle popolazioni locali in modo sostenibile ed innovativo”, ha affermato Eduardo Rojas, Vice Direttore Generale della FAO del Dipartimento Foreste.

Infine la FAO ha annunciato nel corso della riunione della Commissione Foreste che il principe Laurent del Belgio è stato nominato ambasciatore straordinario della FAO per le Foreste e l’Ambiente. Questa nomina è in riconoscimento dell’impegno di lunga data del principe Laurent di promuovere lo sviluppo globale e la sua passione per l’ambiente, per le tecnologie sostenibili, per la salute animale e per il benessere delle popolazioni. Come Ambasciatore Straordinario della FAO il principe Laurent aiuterà l’organizzazione ad aumentare la consapevolezza e promuovere il dialogo politico, sulle questioni connesse alla gestione sostenibile delle foreste e delle altre risorse naturali.

di Salvatore Verde

    Print       Email

You might also like...

Allarme clima: fa male anche alla nostra mente

Read More →