Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Siria. Iniziato il conteggio dei voti

By   /   4 Giugno 2014  /   Commenti disabilitati su Siria. Iniziato il conteggio dei voti

elezioni in Siria 2Le elezioni presidenziali, definite una “pagliacciata” dalle opposizioni, sono terminate ed è iniziato il conteggio dei voti. I risultati saranno resi noti entro la fine della settimana, ma i sondaggi danno per vittorioso il Presidente Bashar al-Assad.

In realtà, gli altri 2 candidati alla presidenza erano in pratica due sconosciuti; Maher al-Hajjad e Hassan al-Nuri. Quest’ultimo, che ha studiato negli Stati Uniti, ha detto alla stampa che si augura di arrivare secondo, dopo l’attuale Presidente. Durante la campagna elettorale, entrambi i candidati non hanno criticato l’operato di Assad, per paura di essere associati ai gruppi “terroristici”, ma hanno posto l’accento sulla corruzione e sulla politica economica del Presidente.

Il voto si è svolto mentre la guerra continuava e gli aerei bombardavano i ribelli intrappolati ad Aleppo, Hama, Damasco, Idlib e Daraa. A monitorare le elezioni, oltre alle forze di sicurezza, c’erano osservatori Nordcoreani, Iraniani e Russi, tutti provenienti da Paesi che sostengono il governo siriano.

Secondo i media governativi le votazioni si sono concluse alla mezzanotte di ieri e che immediatamente è iniziato il conteggio delle schede e dei votanti per verificare la corrispondenza numerica.

Le elezioni sono le prime dopo 50 anni, anche se Assad e suo padre Hafez avevano rinnovato il loro mandato in modo referendario.

I ribelli, i politici in esilio, le potenze Occidentali e i Paesi del Golfo Arabo ritengono che il voto non sia affatto credibile in quanto tenuto in un paese in guerra, in cui parti di territorio sono fuori controllo del governo e milioni di persone sono rifugiate all’estero. Di contro, la televisione di stato ha fatto sapere che “a causa dell’alta affluenza” i seggi sono dovuti rimanere aperti per 5 ore oltre il previsto. di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

La Turchia pronta a inviare truppe in Libia

Read More →