Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Ciclismo  >  Current Article

Julian Arredondo: è lui il miglior scalatore del Giro d’Italia

By   /   29 Maggio 2014  /   Commenti disabilitati su Julian Arredondo: è lui il miglior scalatore del Giro d’Italia

Schermata 2014-05-29 alle 17.49.50Per tutto il Giro d’Italia ha attaccato non appena la strada iniziava a salire, è lo scalatore migliore in gara e quest’oggi ha finalmente raggiunto la vittoria. Julian Arredondo ha dimostrato al Rifugio Panarotta d’avere gran classe e ottimo fondo.

Pronti, via e nei primi km di gara è partita la fuga. Tra loro, oltre un mai domo Dario Cataldo, c’era anche il veterano Franco Pellizzotti ed un determinato Ivan Basso. Il corridore Cannondale però è lontano anni luce rispetto a quello che nel 2010 si metteva tutti dietro sullo Zoncolan, ma con l’età che avanza Ivan potrà essere molto utile come gregario di qualche big da grandi giri.

“Oggi era un’occasione importante – ha dichiarato il varesino a fine gara – ma purtroppo non è andata come volevo. Il finale della corsa è la fotografia della mia stagione, con una condizione mai raggiunta. Era doveroso però per me e per i miei tifosi provarci”.

Sulla salita finale i colombiani l’hanno fatta da padrone. Fabio Duarte e Julian Arredondo se le sono date di santa ragione con attacchi e contrattacchi, segnale che i famosi accordi tra sudamericani sono solo un’invenzione giornalistica. A spuntarla è stata Arredondo, aggiudicandosi la tappa e mettendo in cassaforte la maglia come miglior scalatore del Giro d’Italia.

“L’avevo detto già al Tour de San Luis che l’obiettivo principale era vincere una tappa –  ha dichiarato il vincitore a fine gara -. La dedico a tutta la mia squadra che ha fiducia in me. Sono molto felice ed incredulo per questa vittoria. Stasera festeggiamo perchè dopo tanti piazzamenti la vittoria è finalmente arrivata”.

Tra gli uomini di classifica c’è stata la debacle di Cadel Evans, che ha patito nell’ultima ascesa, perdendo così la terza posizione in classifica generale. La lotta per il gradino più basso del podio ora è apertissima, con Pierre Rolland, Domenico Pozzovivo ed un pimpante Fabio Aru a giocarsi un solo posto. La cronoscalata di domani sarà decisiva per capire chi avrà più possibilità e Fabio Aru, da juniores, ha già conquistato la Bassano – Montegrappa, buon viatico per domani.

Nairo Quintana ha corso da padrone, ha controllato la corsa ed ora sembra che il Giro d’Italia non possa più strapparglielo nessuno. “Ci sono stati molti attacchi – ha dichiarato una sempre più sicura maglia rosa – ma ho controllato tutto ciò che poteva interessare la mia classifica. La squadra ha lavorato molto bene e volevo solo controllare e gestire la salita finale. Sono molto contento perchè stiamo lavorando molto bene, la gente mi supporta ed è felice di vedermi leader del Giro d’Italia”.

 

ORDINE D’ARRIVO

1 Julian David ARREDONDO MORENO COL TFR 4:49:51

2 Fabio Andres DUARTE AREVALO COL COL 17

3 Philip DEIGNAN IRL SKY 37

4 Franco PELLIZOTTI ITA AND +1:20

5 Edoardo ZARDINI ITA BAR +1:24

6 Thomas DE GENDT BEL OPQ +1:38

7 Ivan BASSO ITA CAN +1:43

8 Dario CATALDO ITA SKY +1:59

9 Fabio ARU ITA AST +2:43

10 Nairo Alexander QUINTANA ROJAS COL MOV +2:46

11 URAN URAN RigobertoCOLOPQ4:52:372:46

12 POZZOVIVO DomenicoITAALM4:52:402:49

13 ROLLAND PierreFRAEUC4:52:402:49

14 MAJKA RafalPOLTCS4:52:402:49

15 LOSADA ALGUACIL AlbertoESPKAT4:52:452:54

16 HESJEDAL RyderCANGRS4:52:533:02

17 WELLENS TimBELLTB4:52:593:083″

18 KELDERMAN WilcoNEDBEL4:53:083:17

19 KISERLOVSKI RobertCROTFR4:53:083:17

20 POELS WouterNEDOPQ4:53:393:48

21 EVANS CadelAUSBMC4:54:154:24

 

CLASSIFICA GENERALE

1 Nairo Alexander QUINTANA ROJAS COL MOV 77:58:08

2 Rigoberto URAN URAN COL OPQ +1:41

3 Pierre ROLLAND FRA EUC +3:29

4 Fabio ARU ITA AST +3:31

5 Rafal MAJKA POL TCS +3:31

6 Domenico POZZOVIVO ITA ALM +3:52

7 Ryder HESJEDAL CAN GRS +4:32

8 Wilco KELDERMAN NED BEL +4:37

9 Cadel EVANS AUS BMC +4:59

10 Robert KISERLOVSKI CRO TFR +8:33

    Print       Email

You might also like...

GP Suzuka – Giappone: l’analisi della gara

Read More →