Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Afghanistan. Gli Stati Uniti resteranno fino alla fine del 2015

By   /   28 Maggio 2014  /   Commenti disabilitati su Afghanistan. Gli Stati Uniti resteranno fino alla fine del 2015

soldati americaniIl Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha deciso che, con il ritiro del contingente operativo, previsto entro la fine dell’anno, in Afghanistan resterà, fino alla fine del 2015, un contingente di 9.800 uomini.

La giustificazione è che tale contingente dovrà continuare l’addestramento e condurre Operazioni Speciali, per concludere la lotta alle rimanenti forze di al-Queda. Gli Stati Uniti hanno o ancora circa 32.800 uomini schierati in Teatro.

La decisione è stata annunciata ieri pomeriggio, ma è subordinata alla firma dell’accordo bilaterale sulla sicurezza da parte del nuovo Presidente che uscirà dal ballottaggio previsto per la metà di giugno. Dopo la prima tornata elettorale dello scorso 5 aprile, i 2 candidati al ballottaggio sono l’ex ministro degli Esteri Abdullah Abdullah, che al primo turno ha ottenuto il 45% dei voti, e l’ex ministro delle Finanze Ashraf Ghani, che ha raccolto il 31,6% delle preferenze.

Il favorito però è Adbullah che ha ottenuto il sostegno di Mahmud Karzai, fratello maggiore del presidente uscente Hamid Karzai, e di Jamil Karzai, potente imprenditore e cugino dell’ex presidente, dell’ex numero uno dell’intelligence afghana, Amrullah Saleh, e dell’ex ministro degli Esteri Zalmai Rassoul.

Dopo il 2015 il contingente sarà ridotto di circa la metà e si stabilirà nella capitale, Kabul, e a difesa dell’aeroporto di Bagram. Alla fine del 2016 la quasi totalità delle truppe verrà ritirata e rimarrà solo un gruppo per la difesa dell’ambasciata americana in Kabul.

Questa soluzione rispecchia la richiesta del Generale Joseph F. Dunford, Jr., Comandante delle forze americane e ISAF presenti in Afghanistan. Il Generale infatti aveva chiesto la presenza di 10-12 mila uomini.

di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

In Nuova Zelanda è polemica sulla libertà di parola

Read More →