Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Nigeria. Ancora nulla sulla sorte delle ragazze rapite

By   /   10 Maggio 2014  /   Commenti disabilitati su Nigeria. Ancora nulla sulla sorte delle ragazze rapite

Boko Aram 2Dopo oltre 3 settimane  ancora non si sa nulla sulla sorte delle 223 ragazze rapite dal gruppo terroristico Boko Haram.

Come è noto, il 14 aprile scorso, 276 ragazze, tutte tra i 16 e i 18 anni, furono prelevate con la forza mentre erano a scuola, nella città di Chibok, a nord della Nigeria. Durante il tragitto, 53 ragazze sono riuscite a scappare.

Da allora, nonostante le ricerche, la polizia non è riuscita a trovare il nascondiglio dove i militanti tengono prigioniere le studentesse. Ieri, esperti della sicurezza britannici si sono uniti agli americani e nigeriani per ricercarle, mentre anche Cina, Francia e Spagna si sono dette pronte a dare il loro sostegno.

Nel suo video di 57 minuti il capo del gruppo Abubakar Shekau ha  fatto sapere che il rapimento è stato a scopo dimostrativo, per far capire che l’educazione del tipo occidentale dovrà cessare: “Ho rapito le vostre ragazze e le venderò al mercato com schiave”, ha proclamato.

Ho rapito le ragazze che studiavano in una scuola del tipo Occidentale e voi vi siete disturbati, Io vi dico che l’educazione Occidentale deve finire. Ragazze, voi dovete solo sposarvi…io mi sposerò una ragazza di 12 anni. Sposerò una di 9 anni”, ha ripetuto il leader parlando in Hausa, Arabo e Inglese.

Il Presidente Nigeriano Goodluck Jonathan ha promesso ieri durante l’annuale riunione del World Economic Forum (WEF), svoltasi quest’anno nella capitale nigeriana, Abuja, che la polizia troverà tutte le ragazze rapite dal gruppo terroristico.

Stiamo affrontando attacchi terroristici e credo che il rapimento delle ragazze sarà l’inizio della fine del terrorismo in Nigeria”. Anche se in televisore ha ammesso di non sapere affatto di dove le ragazze siano.

Secondo alcune voci, non confermate, le ragazze sarebbero state portate in Ciad e Camerun e vendute come mogli per circa 12 dollari ciascuna.

Il gruppo Boko Haram è nato circa 5 anni fa, ha come obiettivo quello di stabilire un regime islamico, del tipo califfato, in una nazione di circa 170 milioni di abitanti divisi tra Cristiani, a sud, e Musulmani, a nord. Il nord è una delle regioni più povere del mondo, con una mortalità infantile e analfabetismo altissimi, oltre naturalmente ad una elevatissima disoccupazione, specialmente giovanile, che diventa terreno fertile per il reclutamento da parte dei gruppi terroristici. Di contro , il sud, ricco di petrolio, è relativamente più ricco.

Boko Haram, solo quest’anno, ha finora fatto oltre 1.500 vittime. Nella capitale Abuja, lo scorso mese due esplosioni hanno provocato, rispettivamente, 75 e 19 morti, facendo cancellare il viaggio a diversi delegati che dovevano prendere parte al meeting del WEF. Lo scorso lunedì, altre 125 persone sono morte ai confini con il Camerun.

di Vito Di Ventura 

 

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →