Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Basket  >  Current Article

NBA: Michael Carter-Williams rookie dell’anno

By   /   7 Maggio 2014  /   Commenti disabilitati su NBA: Michael Carter-Williams rookie dell’anno

mcw_infographicMentre nelle semifinali dei playoff si sta giocando per avvicinarsi al titolo di Campioni, l’NBA ha decretato chi sono stati i migliori giocatori della stagione. L’MVP (most valuable player), cioè il premio all’atleta più influente dell’anno, è stato assegnato quasi all’unanimità a Kevin Durant, giocatore di Oklahoma City che quest’anno ha chiuso la stagione con un’invidiabile media superiore ai 32 punti per partita, risultando anche il miglior marcatore dell’NBA.

Un titolo però è molto seguito dagli addetti ai lavori, ed è quello per il miglior rookie dell’anno. La matricola che più ha impressionato è stata Michael Carter-Williams: Alessio Saverio di BasketCaffe.com ci spiega il perchè.

C’è da ammetterlo, la classe dei rookie di quest’anno ha deluso anche le scarne attese della vigilia. E’ sembrato un antipasto, non particolarmente succulento, in attesa del banchetto eccelso della prossima estate, in cui vedremo davvero una serie di talenti cristallini fare il salto in NBA, alla ricerca di gloria e successi. Nell’attesa, però, un giocatore su tutti ha richiamato a sé la maggior parte delle attenzioni, nella sua stagione d’esordio nella Lega. In una squadra in crisi di gioco e risultati come i Sixers di quest’anno, Michael Carter-Williams ha mostrato al mondo delle doti da non sottovalutare. Se contiamo che l’anno prossimo scenderà in campo Nerlens Noel e Philadelphia avrà, con tutta probabilità, una scelta tra le prime tre, allora forse colui che ha vinto più che meritatamente il più recente premio diRookie of the Year, avrà una squadra di livello attorno a sé. E ci sarà da divertirsi nella Città dell’Amore Fraterno.La stagione dell’undicesima scelta dello scorso Draft comincia con una partita che tutti avrebbero sognato di giocare al loro esordio in NBA: la sfida contro i due volte campioni in carica, gli Heat di LeBron James. E Carter-Williams stupisce il mondo con una prestazione leggendaria: 22 punti, con 4/6 da oltre l’arco, 7 rimbalzi, 12 assist e 9 rubate, a soli quattro passi da quella che sarebbe stata la più incredibile quadrupla doppia della storia del basket. Philadelphia già sente di avere in mano lo steal of the Draft, ma, ovviamente, il ragazzo deve confermarsi ad altissimi livelli. Arrivano tre vittorie consecutive per i 76ers nelle prime giocate, per la maggior parte frutto del talento di MCW, anche perché, per il resto, il roster sembra davvero di basso profilo. Evan Turner e Spencer Hawes si danno da fare per aiutare il neonato prodigio della franchigia della Pennsylvania, ma arriva un infortunio a tenerlo fermo ai box, prima per una decina di giorni a novembre, poi per quasi tutto il mese di dicembre. Le statistiche comunque dicono che, nell’arco di questi due mesi, Carter-Williams segna 18 punti a partita, conditi per altro da 5.5 rimbalzi, 7.5 assist e poco meno di tre rubate a partita. Le quasi quattro palle perse a partita e le scarse percentuali al tiro sono auspicabili da un ragazzo del 1991 al suo primo anno in NBA. I Sixers chiudono l’anno con lo score di 9-21, già lontanissimi dalle posizioni per i playoff, nonostante un MCW tra le migliori guardie non solo ad Est, ma addirittura dell’intera Lega.

Il 2014 si apre con tre vittorie consecutive, ma è un fuoco di paglia. A Philadelphia una posizione nelle prime tre della lottery fa troppa gola e la squadra non fa nemmeno molto per nasconderlo. Fino all’ultima partita di gennaio, vittorie e sconfitte, comunque, si alternano in maniera ponderata (7-10) e il rookie da Syracuse si guadagna il premio di Rookie of the Month, risultato già ottenuto a novembre e che otterrà nuovamente nei mesi a seguire, nonostante lo scempio che i Sixers compiono nel finale di stagione. Le sue medie restano altissime: 16.5 punti, 5.6 rimbalzi e 5.6 assist. Per tutto il mese di febbraio e fino al 29 marzo i 76ers, però, si abbandonano al tanking selvaggio e non conoscono più la parola “vittoria”. Arrivano la bellezza di 26 sconfitte consecutive, che eguagliano il record per la peggior striscia negativa di sempre dei primi Cavs post partenza di James verso la Florida. Le medie di MCW si abbassano vistosamente e non potrebbe essere altrimenti. Nonostante questo vince il premio di Rookie of the Month del mese di marzo (e questo rende l’idea del livello bassissimo degli “avversari” al primo anno). Aprile vede Philadelphia tornare al successo, anche se c’è davvero poco da festeggiare quest’anno. Carter-Williams segna 17.6 punti di media, con 7.5 rimbalzi e 6.4 assist, per altro con il 52.5% dal campo e il 42.9% da oltre l’arco. E’ forse la paura di poter perdere il premio di Rookie of the Year a smuovere nuovamente le ambizioni e la voglia di dare il meglio di MCW, che sfodera delle grandi prestazioni, pur nel disastro collettivo.

I Sixers chiudono a quota 19-63, penultimi tanto nella Eastern Conference quanto nel complessivo della Lega, ottenendo una posizione privilegiata per il prossimo Draft. Era questo, probabilmente, il primo e unico obiettivo stagionale della franchigia, oltre che di far crescere i suoi giovani e rimettere in sesto Noel per la prossima stagione. Carter-Williams chiude una stagione comunque eccellente a 16.7 punti, 6.2 rimbalzi e 6.3 assist di media, unico rookie insieme ad Oscar Robertson ed Alvan Adams a guidare tutti i giocatori al primo anno nelle tre principali statistiche. Inoltre MCW ha guidato i rookie anche nelle rubate (1.86 a partita, sesto complessivamente in NBA). Nella sua settimana d’esordio è stato nominato miglior giocatore della Eastern Conference, unico a riuscire nell’impresa insieme a Shaquille O’Neal. Con 17 doppie-doppie e 2 triple-doppie, accompagnate da 25 partite da oltre 20 punti e una serie di prestazioni straordinarie e di livello assoluto, la guardia ha dominato tra i rookie in quasi ogni aspetto del gioco. Alla fine i voti per ottenere l’ambito premio sono stati ben 569, con 104 primi posti su 124 esperti chiamati a giudicare. Secondo è stato Victor Oladipo (Orlando Magic) con 364 punti e 16 primi posti, terzo invece è arrivato Trey Burke (Utah Jazz) con 96 punti.

Continua a leggere su BasketCaffe.com

    Print       Email

You might also like...

The last dance e la jersey mania

Read More →