Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Thailandia e Ucraina in fiamme

By   /   19 Febbraio 2014  /   Commenti disabilitati su Thailandia e Ucraina in fiamme

proteste a KievDa una parte all’altra del mondo, le manifestazioni di protesta antigovernative non cessano provocando numerose vittime. Le motivazioni di fondo sono le stesse: aspettative di maggiore democrazia e sviluppo.

In Thailandia la popolazione chiede le dimissioni del presidente, per svincolarsi dai lacci della corruzione e del malaffare, come in Ucraina dove il Presidente Yanukovych, legato alla Russia di Putin, nega al popolo l’ingresso in Europa, speranza di crescita economica e democratica.

In Thailandia i manifestanti hanno circondato il palazzo del Primo Ministro Yingluck Shinawatra, dopo che ieri ci sono stati altri 5 morti e decine di feriti, portando il totale a 16 morti dall’inizio delle manifestazioni anti governative, iniziate circa 3 mesi fa. In realtà, il malcontento della popolazione thailandese risale a circa 10 anni fa quando al governo c’era il fratello dell’attuale Primo Ministro, Thaksin Shinawatra, oggi in esilio poiché su di lui pende una condanna per corruzione.

In Ucraina invece durante gli scontri di ieri a Kiev, con la polizia ci sono state 25 vittime e oltre 250 feriti. Il Presidente Viktor Yanukovych scarica la responsabilità delle violenze al leader dell’opposizione, e rivendica un’apertura al dialogo.

Il faccia a faccia tra il capo dell’opposizione ucraina, l’ex boxer Vitali Klitschko, ed il presidente Viktor Yanukovych non ha prodotto alcun miglioramento e non ha fermato l’assalto in corso a piazza Maidan, cuore della protesta antigovernativa. L’opposizione chiede nuove elezioni presidenziali e parlamentari, prima della scadenza naturale, prevista per il 2015

L’ufficio del Ministero per la Politica Estera dell’Unione Europea, Catherine Ashton, ha fatto sapere di aver indetto una riunione dei ministri degli esteri dei 28 Paesi membri per decidere le azioni da intraprendere nei confronti dell’Ucraina, azioni che potrebbero sfociare in sanzioni economiche e congelamento dei capitali.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Emigrare? Meglio vicino a casa

Read More →