Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Basket  >  Current Article

Mondiale Spagna 2014, assegnate le Wild Cards

By   /   4 Febbraio 2014  /   Commenti disabilitati su Mondiale Spagna 2014, assegnate le Wild Cards

L’Italia di basket, seppur disputando un ottimo torneo, non è riuscita a qualificarsi per il prossimo Mondiale spagnolo. La squadra di Pianigiani sperava in una Wild Card, cioè un invito fatto dalla FIBA (massimo organo di basket al mondo), ma, d’accordo con il Coni, ha deciso di ritirarsi dalla corsa. Il prezzo richiesto per la partecipazione dell’Italia ai mondiali infatti stava superando gli 800mila euro, una cifra sconsiderata valutando anche il momento economico. Domenica 2 febbraio le Wild Cards sono state assegnate: BasketCaffè.com ci dice a chi e ci spiega i veri criteri di aggiudicazione.

 

Dopo le tantissime chiacchiere degli ultimi giorni su quali nazioni avrebbero avuto il diritto di giocare il prossimo Mondiale di Spagna 2014, il Central Board della FIBA si è incontrato ieri per decidere a chi assegnare le 4 Wild Cards. Tra le tante Nazioni in corsa nei giorni scorsi l’Italia si era tirata indietro, dopo le dichiarazioni del Presidente Petrucci e di coach Pianigiani sul fatto che le richieste economiche della FIBA per ottenere questi pass fossero diventate davvero troppo esose e immotivate. Di fatto l’opportunità persa nell’ultima partita degli Europei di Slovenia contro l’Ucraina ci aveva già tagliato fuori dalla gara visto il momento economico tutt’altro che brillante che sta attraversando il basket (e il nostro paese in generale), ma comunque un tentativo era stato fatto.

A beneficiarne sono state come un po’ ci si attendeva Grecia (5° nel Ranking FIBA), Turchia(#7) e Brasile (#10 e paese ospite delle prossime Olimpiadi) mentre ha lasciato abbastanza di sasso l’assegnazione dell’ultimo posto valido alla Finlandia (39esima nel ranking), di sicuro una squadra di blasone molto inferiore a Cina, Russia e anche la stessa Italia, ma evidentemente con soldi freschi da poter dare alla FIBA. Perchè la decisione è stata molto più basata sul lato commerciale che su quello tecnico, infatti i finnici non hanno mai partecipato ad un Mondiale e nelle ultime due edizioni degli Europei hanno chiuso in nona posizione. La FIBA aveva addirittura stilato 13 regole da seguire per decidere a chi consegnare i pass per i Mondiali, e la qualità dei risultati era al secondo posto per valutazione, ma evidentemente il punto 7, ovvero l’importanza del mercato nazionale per i partners FIBA ha avuto un peso maggiore.

Insomma non importava nulla quali fossero i risultati delle nazionali e il loro valore tecnico, così da aumentare lo spettacolo di una manifestazione mondiale, ma solamente chi, nella vera e propria asta indetta dalla Federazione Internazionale, avesse fatto la proposta economica più remunerativa per loro. Le richieste si erano talmente alzate che addirittura due colossi mondiali (come paese e come federazione) come Russia e Cina si sono tirate indietro, mentre Canada e Nigeria non sono potute arrivare alle cifre della Finlandia, che come “sponsor” avrebbe anche gli inventori di Angry Birds, il famoso gioco per smartphone, che ora potrebbe fare un po’ di pubblicità a Spagna 2014.

Sembra uno scherzo ma invece così non è…

Leggi il resto su BasketCaffè.com

    Print       Email

You might also like...

The last dance e la jersey mania

Read More →