Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Tunisia: Costituzione, la Sharia non sarà base del diritto

By   /   4 Gennaio 2014  /   Commenti disabilitati su Tunisia: Costituzione, la Sharia non sarà base del diritto

Tunisias new assembly holds first session

L’Assemblea costituente tunisina ha avviato le procedure per l’adozione della nuova Costituzione e durante la votazione di oggi 4 gennaio sono stati approvati i primi due articoli che sanciscono l’Islam come religione di stato ma escludono la sharia, la legge islamica, come base del diritto del paese. Secondo l’articolo 1, approvato con 146 si’ su 149 voti, “la Tunisia e’ uno stato libero, indipendente e sovrano. L’islam e’ la sua religione, l’arabo e’ la sua lingua e la repubblica e’ la sua forma di governo. Non e’ possibile emendare quest’articolo“.

Nell’articolo 2 si prevede l’instaurazione di uno stato a carattere civile basato sulla cittadinanza, sulla volontà del popolo e sul primato del diritto.

L’Assemblea ha invece respinto due emendamenti che proponevano rispettivamente l’islam e il Corano e la Sunna come fonte principale della legislazione.

Per completare  il testo ci è voluto un arco di tempo di due anni, questo a causa delle divergenze fra il partito islamico Ennahda e l’opposizione che hanno ostacolato la formazione e il funzionamento delle istituzioni. Ora il testo verrà sottoposto a votazione, articolo per articolo. La costituente dovra’ approvare entro il 14 febbraio 146 articoli e decidere su 250 emendamenti. Senza la maggioranza dei due terzi si dovrà però ricorrere al referendum.

La nuova Costituzione darà forma al futuro della Tunisia e per questo si segue con attenzione l’iter che sta portando all’attuazione del testo. Al Bawsala , Amnesty International , Human Rights Watch e The Carter Center hanno rilasciato una dichiarazione congiunta il 24 luglio 2013, con le raccomandazioni chiave per il rafforzamento dei diritti dell’uomo e delle libertà nella costituzione. Tra le modifiche più urgenti vi è l’inclusione di una disposizione anti- discriminazione che articola il principio della parità tra uomini e donne in tutte le sue sfaccettature .

    Print       Email

You might also like...

Baghouz e la questione dei “foreign fighters”

Read More →