Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Current Article

Rimini: aspettando Natale tra i presepi più belli

By   /   24 Dicembre 2013  /   Commenti disabilitati su Rimini: aspettando Natale tra i presepi più belli

okpresepemarinacentro (Medium)Ogni anno, in questi ultimi momenti a ridosso delle feste scoppia la frenesia per la ricerca del regalo dell’ultimo minuto. Per le strade e nelle case è il caos. Ma la magia del Natale è molto più che fiocchi rossi e luci colorate. Così, nel pieno dell’incanto natalizio, scopriamo che la tradizione del presepe non subisce l’usura del tempo ma anzi conserva il suo fascino e difende la sua poesia.

Tutti da scoprire i presepi in rassegna a Rimini. Dalle più tradizionali a quelle più originali, sono tantissime le varianti sul tema della Natività che la città mostra agli occhi emozionati dei visitatori.

Si comincia sulla spiaggia. A due passi dal mare, a Marina Centro e a Torre Pedrera, vengono allestiti spettacolari presepi di sabbia a grandezza naturale. Si parla di veri e propri artisti, in grado di sviluppare un percorso inedito attraverso suggestive scenografie. Per tutto il periodo natalizio, animazioni per grandi e piccini ma anche diverse manifestazioni di carattere enogastronomico.

Da non perdere il presepe per eccellenza in città, quello realizzato nella splendida cornice dell’Arco d’Augusto, ancora una volta una rappresentazione a grandezza naturale che, inaugurata nel pomeriggio del 24 dicembre, veglia sulla città fino al giorno dell’Epifania.

Non poteva mancare il tradizionale Presepe del Mare. Racchiuso sul fondo delle acque, viene liberato il giorno di Natale, nel corso di una famosa cerimonia a cui prendono parte, oltre ai subacquei, anche forze navali e protezione civile. Anche il Museo delle Conchiglie e della Marineria apre al pubblico durante le festività, esponendo per l’occasione la Natività dentro la conchiglia.

Ma non finisce qui. Nell’Oratorio della chiesa di Santa Maria Ausiliatrice, torna anche quest’anno “Dentro la Natività”, un vero e proprio spettacolo allestito dai Salesiani. Lontano da modelli statici è un presepe aperto ed interattivo, letteralmente “da vivere dall’interno” che racconta la Storia di Gesù con quadri a grandezza naturale. Certo, la grotta con la Natività resta l’elemento principale ma intorno si costruiscono altre scene, dall’Annunciazione dell’Angelo a Maria fino al Santo Sepolcro (per informazioni: 340/6860429).

È il caso di dirlo, presepi da tutto il mondo e non potevano dunque mancare i presepi multietnici. Un’esposizione come viaggio attraverso i continenti alla scoperta delle tante diverse tradizioni natalizie. Queste bellissime rappresentazioni della Natività mostrano personaggi con tratti somatici molto diversi, pelle scura, occhi a mandorla e lineamenti orientali. Anche i materiali utilizzati cambiano notevolmente, dalla terracotta alla cartapesta fino a vetro e legno, per arrivare ad idee originali come pane, gusci d’uova e di noci o fogli di banano.

Il Natale diventa dunque occasione per condividere un messaggio di pace e fratellanza, un importante canale di scambio culturale attraverso l’arte semplice e la religiosità popolare.

Non da ultimo Rimini offre la possibilità di ammirare nei minimi particolari le creazioni artigianali di tutti gli appassionati del presepe. È il caso di Alberto Minelli che ha occupato una stanza di casa con un’opera interamente realizzata a mano secondo la tradizione più realistica. Ambientato nei primi anni del secolo scorso è invece il presepe di Casa Semprini che vuole rievocare l’immagine della Romagna rurale di una volta attraverso i tanti ricordi d’infanzia di Mario.

di Marta Parcesepe

    Print       Email

You might also like...

Lucca C&G cambia e si fa in quattro!

Read More →