Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Basket  >  Current Article

Il ritiro di Allen Iverson

By   /   31 Ottobre 2013  /   Commenti disabilitati su Il ritiro di Allen Iverson

Iverson_from_behindHa combattuto alla pari contro personaggi più alti di lui di 30 cm, ha lottato in ogni partita come se fosse l’ultima, ha ridicolizzato da rookie un re come Micheal Jordan ed infine è caduto nei suoi limiti caratteriali. Allan Iverson nell’NBA ha lasciato un solco, è stato uno dei pochi a dividere un’era.

Alto soltanto 1 metro e 80 cm ha raggiunto traguardi inimmaginabili, superando cadute ed infortuni e chiudendo una carriera spettacolare con 24.368 punti, cioè 19esimo posto tra i marcatori di tutti i tempi. Playmaker dalla velocità irresistibile ha lanciato nella National Basketball Association una moda, uno stile di vita. Genio ribelle, giocatore unico ma irritato dagli allenamenti, ad Allen Iverson si sono ispirati in molti, sia alle sue giocate che al suo modo di vivere il basket.

“Ho sempre pensato che fosse figo essere come me – ha dichiarato il giocatore davanti al suo pubblico -. Quel che ho fatto è essere me stesso. Adesso, se guardate l’Nba, vedrete che ci sono molti giocatori tatuati e con le treccine. Prima si diceva che solo i criminali portavano dei capelli così, adesso queste treccine se le fanno anche i poliziotti. Avete capito quello che voglio dire? Ho creato uno stile”.

Arrogante nelle parole tanto come in campo, un giocatore così nel basket mancherà molto, Iverson è stato uno dei pochi capaci di far innamorare un intero palazzetto dello sport.

Ieri il giocatore di Philadelphia s’è ufficialmente ritirato e, a 38 anni, dovrà vedersela con i suoi problemi caratteriali senza più poter sfogare tutto se stesso in campo.

Noi vi lasciamo con qualcosa di unico, le sue risposte a tutto.

di Antonio Massariolo

    Print       Email

You might also like...

The last dance e la jersey mania

Read More →