Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Il fumetto ed il Crowdfounding

By   /   5 Settembre 2013  /   1 Comment

Oggi mentre riflettevo su quale fumetto recensire mi è arrivata un’interessantissima mail. La mail proveniva dall’ufficio stampa del collettivo Mammaiuto.it ed è stata lo spunto per l’articolo che state leggendo.

La prima volta che ho sentito parlare di crowdfounding per un fumetto è stato due anni fa a Lucca comics e games. All’epoca i ragazzi della casa editrice Emmetre Edizioni pubblicavano il primo volume di Romabot Centurion e tra le vie intraprese per finanziare il progetto venne tentata la via del crowdfounding (tramite il sito Eppella.com).

Oltre al progetto di Mammaiuto.it sul sito di Eppella sono presenti altri progetti che hanno ottenuto un finanziamento e quindi sono pronti per essere pubblicati.

Cos’è e come funziona il crowdfounding?

Il crowdfounding nasce con il proliferare dei social network e si fonda sul processo di finanziamento dal basso. In pratica si chiede un sostegno economico, anche minimo, tramite web, per un progetto e quando si raggiunge il budget stabilito si può procedere alla pubblicazione del fumetto.

Ovviamente le donazioni sono ricompensate da chi propone il fumetto. In base alla quantità di denaro dato si ricevono in cambio fumetti, disegni, gadget e perfino l’onore di aver il proprio nome pubblicato nel libro.

Se malauguratamente non si riuscisse a raggiungere l’obbiettivo prefissato dagli autori del fumetto i soldi della donazione vengono restituiti senza alcun costo, ne impegno, da parte dei donatori.

Il sistema del CF permette a tutti di proporre un progetto, rendendolo realizzabile anche senza aver fondi a disposizione.

Il fumetto è da sempre in crisi, e spesso le proposte più innovative e ardite non vengono sostenute dagli editori “tradizionali”. Esistono diverse opzioni che vanno dall’autoproduzione alla fondazione di un’associazione culturale, ma per percorrere queste due strade c’è bisogno di soldi da investire e soprattutto c’è il rischio di non avere un minimo gradimento dal pubblico per continuare la pubblicazione dei propri prodotti.

Quindi il Crowdfounding è il futuro del fumetto indipendente?

Probabilmente si, sicuramente sempre più autori cercheranno di percorrere questa strada e sono sicuro che alcuni riusciranno a stupire i lettori di fumetti con opere assolutamente imperdibili.

Di seguito vi allego il comunicato dei ragazzi di Mammaiuto.it che in meno di due giorni sono già arrivati ad un terzo del finanziamento necessario per pubblicare i loro due nuovi libri: “Mooned L’amore immobile” ed i “Diari della Nuke”.

Ecco il comunicato di Mammaiuto.it

I fumettisti, il web, la Crisi. Se proponi progetti non conformi al fumetto da edicola, gli editori ti dicono che Il mercato editoriale in Italia è in affanno da almeno 30 anni. Non è una novità per i fumettisti fare lavori precari sottopagati. Per questo gli autori di Mammaiuto non sono particolarmente impensieriti dalla Crisi. Hanno quindi deciso di surfarla usando gli strumenti che il web mette a disposizione. Prima di tutto un sito: Mammaiuto.it, dove pubblicare quotidianamente e gratuitamente i fumetti che gli editori non possono permettersi di pagare. Poi il rapporto diretto con i lettori, utopia realizzata grazie ai social network. E dopo aver donato le loro storie per due anni, ora chiedono il sostegno dei lettori. Per poter stampare due libri, e iniziare un’attività editoriale (senza che la Crisi se ne accorga).

Mammaiuto è un collettivo di autori di fumetti che dal 2011 pubblica quotidianamente sul sito Mammaiuto.it. In questo momento ci sono 10 serie in corso, e sul sito è disponibile un archivio di quasi 800 contenuti tra strisce, illustrazioni, storie brevi e graphic novel. Come si proponevano sin dall’inizio, stanno cercando modi nuovi per diffondere i loro fumetti e affrontare la crisi economica con soluzioni editoriali all’avanguardia. Il crowdfunding è la risposta perfetta alle loro esigenze: libera circolazione dei contenuti, che rimangono disponibili gratuitamente su web, e la possibilità di un rientro economico. Hanno quindi lanciato su Eppela il progetto Dal web alla carta nel quale prevedono di stampare, grazie alle donazioni dei lettori, i libri che raccolgono i webcomic “I Diari della Nuke” e “Mooned – L’Amore Immobile”. Le donazione saranno ricompensate con libri, shopper bags, disegni fatti appositamente per i sostenitori e altri gadget. A pochi giorni dall’apertura il progetto sta già riscuotendo successo e sono arrivate le prime sostanziose donazioni. Il segnale è positivo e dà la speranza che anche in Italia i tempi siano maturi per un uso economico del web.

Io farò la mia donazione al più presto, e voi?

Di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

1 Comment

  1. Giorgio Trinchero ha detto:

    Grazie! Per chi fosse interessato qui il link diretto al progetto: http://www.eppela.com/ita/projects/473/mammaiutoit-dal-web-alla-carta

You might also like...

Hellboy omnibus vol. 1

Read More →