Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Calcio femminile – L’Italia esce dagli europei per mano della Germania

By   /   21 Luglio 2013  /   Commenti disabilitati su Calcio femminile – L’Italia esce dagli europei per mano della Germania

Finisce agli ottavi di finale il sogno azzurro agli europei di calcio femminile. Sono ancora una volta le tedesche a buttarci fuori, proprio come 4 anni fa.

Inizio volitivo delle ragazze di Cabrini che da azione di calcio da fermo mettono apprensione alla difesa tedesca. Al 5′ pericolose le tedesche con un colpo di testa della Mittag che finisce di poco a lato. Due minuti più tardi sempre di testa ci prova Laudehr, ma anche in questa occasione la palla sorvola la traversa. Al 23° arriva il vantaggio della Germania. Calcio d’angolo regalato dalle nostre e palla che arriva sui piedi della Laudehr, la cui conclusione viene deviata dalla Bartoli e finisce in fondo alla rete.

L’Italia lì davanti non riesce a proporsi, sia per merito delle avversarie che chiudono bene gli spazi, sia per l’atteggiamento tattico che vede, ancora una volta, le nostre attaccanti giocare troppo lontane dalla porta. Al 35′ le azzurre confezionano un’ottima occasione per pervenire al pareggio. Gabbiadini fa partire un cross dalla destra e Camporese anticipa tutte di testa mandando la palla a sfiorare la parte alta della traversa. Al 41′ ci prova Stracchi dai 20 metri, la Angerer blocca sicura.

La ripresa si apre con Iannella al posto della Camporese. Al 47′ ci prova l’Italia con una botta da lontano della Parisi alta sopra la traversa. Dieci minuti più tardi l’Italia rischia la frittata in difesa, Salvai prima cincischia poi rimedia liberando la palla dall’area di rigore. Al 61′ sono ancora le tedesche a farsi pericolose; Maroszan si libera di un paio di avversarie, serve la Lotzen che di sinistro non trova la porta. Al 65′ Maier impegna Marchitelli con un destro appena dentro l’area di rigore, brava l’estremo difensore azzurro a respingere in tuffo.

Neanche l’inserimento della Mauro al posto della Parisi scuote l’Italia, incapace di affondare lì davanti. Lotzen al 79′ sfiora il raddoppio che avrebbe chiuso la partita. All’83’ Laudehr colpisce il palo esterno, ancora più sfortunata la Maroszan a due minuti dal termine. La pennellata su calcio di punizione colpisce la traversa e sulla ribattuta Kessler, a porta vuota, non trova il gol che avrebbe chiuso la partita.

Non bastano 4 minuti di recupero, la Germania vince meritatamente contro un’Italia apparsa stanca e priva di idee.

Rimane comunque un bilancio positivo della spedizione azzurra; arrivare tra le prime otto nazionali europee, avendo un movimento nettamente al di sotto rispetto allo standard degli altri paesi, è un buon punto di partenza per far crescere le tesserate e far si che la politica del calcio si accorga anche del mondo femminile.

Nell’altro quarto di finale le padrone di casa svedesi schiantano l’Islanda per 4-0.

Tabellino:

Italia: Marchitelli, Bartoli, Salvai (69′ Di Criscio), D’Adda, Manieri, Tuttino, Stracchi, Camporese (46′ Iannella), Parisi (74′ Mauro), Panico, Gabbiadini. All. Cabrini A disp: Penzo, Schroffenegger, Gama, Domenichetti, Girelli, Rosucci, Brumana, Motta.

Germania: Angerer, Maier, Krahn, Bartusiak, Cramer, Kessler, Gossling, Laudehr, Mittag (52′ Maroszan), Lotzen, Okoyino da Mbabi (68′ Dabritz). All. Neid A disp: Schmidt, Behringer, Schult, Linden, Leupolz, Henning, Huth, Bajramj, Benkarth, Wensing.

Arbitro: Kulcsar

Ammoniti: Tuttino, Parisi, Salvai, Stracchi, Di Criscio.

di Masimo Merlo

    Print       Email

You might also like...

The last dance e la jersey mania

Read More →