Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Altri sport  >  Current Article

Volley: Piacenza corsara in Challenge Cup

By   /   21 Marzo 2013  /   Commenti disabilitati su Volley: Piacenza corsara in Challenge Cup

Un super Copra, contro un mini Ufa Ural questa la trama della finale di andata della Challenge Cup, poco più che un allenamento durato un set, il terzo, quando i russi, guidati da Angiolino Frigoni, sono entrati in partita ed hanno provato in qualche modo ad allungare il match.

Zlatanov e compagni, nonostante i 10 giorni di totale inattività, non hanno perso tempo, hanno grattato subito la ruggine ed hanno iniziato a giocare un’ottima pallavolo, precisa in tutti i fondamentali, con Holt devastante dalla linea dei 9 metri, con Zlatanov e Fei essenziali sotto rete ed un ottimo Marra in ricezione. Un set giocato a senso unico, con l’Ural “in bambola” ed i piacentini in trans agonistica. 12-25 il finale.

Nel secondo parziale il copione sembra differente, si arriva al primo time out tecnico col punteggio fermo sul 8-7 per gli emiliani. Il ritorno sul parquet, però, è devastante. Papi con i suoi compagni di gioco decidono di nascondere la sfera agli avversari, scavando un break di 6 punti. Nel finale di set Vissotto prova a rimettere il tutto in carreggiata, ma all’apparir del vero si dimostra croce e delizia per i russi, prima accorcia poi sbaglia il servizio che regala il 2-0 ai lupi. 22-25.

Il terzo set potrebbe essere una formalità, ma non lo è. L’Ufa Ural parte forte, Fox Fei e capitan Zlatanov provano a tenere i giochi in parità, la panacea dei mali piacentini dovrebbe guarire la ricezione ed il servizio, troppo fallosi. Monti prova a sostituire un Simon fuori dal gioco, con Tencati, un cambio che dà la scossa ai biancorossi che ricominciano a macinare difesa e battuta. La rimonta culmina sul 22-22, quando poi inizia un match nel match, un nuovo appassionante incontro di pallavolo, dove ogni differenza tecnica non ha più senso. I russi provano più volte a forzare il fortino, ma i piacentini non vogliono proprio fermare il trend positivo che li vede vittoriosi per 3-0 da 11 incontri nella competizione europea. Ci pensa Papi a mettere tutti a tacere, 30-30 palla in mano al monumento della nazionale azzurra, che con due “bordate” gela il gelido palazzetto russo.

L’appuntamento per il ritorno della finale è fissato per domenica al PalaBanca di Piacenza.

di Marco De Palo

    Print       Email

You might also like...

GP Suzuka – Giappone: l’analisi della gara

Read More →