Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Per l’India l’Ambasciatore Italiano non ha l’immunità

By   /   18 Marzo 2013  /   Commenti disabilitati su Per l’India l’Ambasciatore Italiano non ha l’immunità

La Corte Suprema Indiana ha stabilito che l’Ambasciatore Italiano non ha alcuna immunità diplomatica. Il Presidente della Corte di Giustizia, Altamas Kabir, ha detto che la Corte ha “perso la fiducia” nell’Ambasciatore Italiano, Daniele Mancini.
Secondo la Corte Suprema Indiana “la persona che ha preso un impegno davanti alla Corte non ha alcuna immunità se non mantiene la parola data”. “L’oltraggio alla Corte cadrà solo se i 2 Marò rientreranno entro il 22 marzo”.

Come è noto, a seguito del mancato rientro dei 2 Marò dopo la licenza per le elezioni, all’Ambasciatore Italiano era stato intimato di non lasciare l’India fino alla prossima udienza il 2 aprile.

L’Ambasciatore Mancini aveva garantito personalmente che Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sarebbero rientrati regolarmente, come lo era stato per le vacanze natalizie. Ma il Ministro degli Esteri Italiano aveva deciso di non fare rientrate i 2 Marò poiché, essendo l’incidente avvento in acque internazionali, la competenza a giudicarli spettava ad un tribunale Italiano.

Il 15 marzo L’Ambasciata Italiana ha scritto una nota verbale al governo Indiano dicendo che nessuna autorità poteva limitare i movimenti all’Ambasciatore poiché questo viola la Convenzione di Vienna. Di contro, il governo Indiano ha risposto che il governo Italiano “sembra non conoscere lo schema costituzionale che regola il funzionamento del governo in India”. In altre parole, il governo Italiano non conosce le regole basi della costituzione Indiana.

A questa nuova posizione Indiana non c’è stato alcun commento da parte dell’Ambasciata Italiana a Nuova Delhi, anche se il Ministero degli Esteri aveva fatto sapere che si stava cercando una soluzione “amichevole”, per risolvere la disputa, secondo le leggi internazionali.

Il Primo Ministro Indiano, Manmohan Singh, commentando l’accaduto, aveva usato toni moto duri, e aveva minacciato che ci sarebbero state delle conseguenze se i 2 Marò non fossero rientrati per il processo e che il rifiuto Italiano di farli rientrare era “inaccettabile”.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Attacco Huthi al petrolio saudita

Read More →