Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Bali. Una donna di 56 anni condannata a morte per traffico di droga

By   /   23 Gennaio 2013  /   1 Comment

Lindsay Sandiford, una cittadina Britannica di 56 anni è stata condannata a morte per traffico di droga. Un verdetto che ha lasciato di stucco anche il pubblico ministero che aveva chiesto 15 anni di carcere.

La donna, originaria di Redcar nel Teesside, lo scorso maggio, al suo arrivo all’aeroporto di Denpasar, la capitale dell’isola di Bali, con un volo proveniente da Bangkok, è stata trovata in possesso di circa 5 chilogrammi di cocaina, del valore commerciale di quasi 2,5 milioni di dollari.
La donna si ha sempre sostenuto di essere stata costretta a fare da corriere per proteggere la vita dei nipoti, su cui i trafficanti avrebbero promesso di fare ritorsioni in caso di rifiuto.

Per questo il pubblico ministero aveva chiesto una condanna più mite e non il massimo della pena che è appunto la pena di morte. Ma per la corte la donna, oltre a non aver ammesso il crimine, ha consapevolmente forzato le leggi indonesiane, molto restrittive e dure nei confronti della droga, e screditato la reputazione turistica di Bali.

Il giudice Amser Simanjuntak, nella sua sentenza ha detto: “Abbiamo trovato Lindsay Sandiford fermamente e legalmente colpevole di aver importato narcotici…la sua azione è stata contro gli sforzi del governo di combattere l’uso della droga nel nostro Paese e ha insistito nella sua innocenza….quello che lei ha fatto potrebbe danneggiare l’immagine turistica di Bali…e per questo è condannata a morte”.

La polizia Indonesiana ha dichiarato che la donna, insieme ad altri 3 Britannici ed 1 Indiano, anche loro arrestati, era al centro di una rete di traffici di cocaina. In particolare, Paul Beales è stato condannato lo scorso anno a 4 anni per possesso di 3,6 grammi di hashish, Rachel Dougall ha avuto 1 anno di carcere per non aver denunciato il caso, mentre il processo per possesso di droga per Julian Ponder, partner di Dougall, deve ancora celebrarsi e il verdetto potrebbe arrivare oggi. Anche lui è accusato di aver preso la droga dalla Sandiford e per lui il pubblico ministero ha chiesto 7 anni di carcere.

La donna al momento della lettura della sentenza, come la sorella, Hillary Parson, presente in aula, è scoppiata a piangere e si è nascosta il viso dietro una sciarpa mentre l’avvocato, Esra Karokaro, si è detta stupita e ha aggiunto:”Non ci aspettiamo che i nostri clienti siano condannati alla pena di morte, ne discuteremo con lei ma molto probabilmente ci appelleremo”.

La sentenza è stata molto criticata dal governo Britannico.
Hugo George William Swire, del ministero degli Esteri, ha dichiarato che il governo obietta e che ricorrerà in appello. Durante l’audizione alla camera dei Comuni ha dichiarato: “Fermamente siamo contro la pena di morte e, in questo difficile momento, continueremo a fornire assistenza consolare alla Lindsay e alla sua famiglia”. Anche il Ministro degli Esteri William Hague ha sollevato il caso al suo collega Indonesiano.

In Indonesia, dopo i due gradi di appello è possibile chiedere la grazia al Presidente della Repubblica. Eventualità che non viene esclusa.

In Indonesia, molti dei 40 stranieri detenuti e condannati a morte sono stati arrestati per traffico di droga. In carcere è finita l’intera nota banda australiana di trafficanti, la “Bali Nine”, di cui 2 sono stati condannati a morte già dal 2005 ma sono ancora in attesa di essere giustiziati, mentre altri 7 hanno ricevuto diverse condanne. In attesa dell’esecuzione c’è anche un cittadino Francese,  condannato a morte nel 2007.

Le esecuzioni in Indonesia avvengono per fucilazione, normalmente di notte e in un luogo sconosciuto. Nel 1998 furono fucilati 5 stranieri, tutti per droga, e l’ultima esecuzione in ordine di tempo è avvenuta nel giugno del 2008, per 2 Nigeriani anche loro trafficanti di droga.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

1 Comment

  1. Jf1 ha detto:

    Condannata a morte perché si è dichiarata innocente e perché ha danneggiato l’immagine turistica di Bali ???

    E se faceva atti osceni in luogo pubblico la attaccavano a quattro cavalli che tirassero in direzioni opposte ?

You might also like...

Emigrare? Meglio vicino a casa

Read More →