Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Current Article

Più libri più Liberi

By   /   5 Dicembre 2012  /   1 Comment

Aumenta il consumo di libri. Ne parlano da domani a Roma con Più libri più Liberi, la fiera dell’editoria indipendente italiana

La gente dice che ciò che conta è vivere, ma io preferisco leggere”. Logan Pearsall Smith

L’aforisma del saggista Logan Pearsall Smith sottolinea con efficacia quanto sia vitale la lettura. Sembra che anche il nostro paese se nestia nuovamente accorgendo.

Il 2010 segna un incremento complessivo della produzione libraria, interrompendo la tendenza negativa degli ultimi anni. Si evidenziainfatti un giro d’affari in aumento del +0,3%. Secondo l’analisi sull’editoria italiana, curata da G.Peresson(p. 108, © AIE/Ediser 2010), si passa dal mercato della lettura a quello dei libri digitali (+122,9% tra il dicembre 2010 e il maggio 2011 in termini di titoli e +40,4% per fatturato), per poi arrivare alla crescita dell’export dei diritti all’evoluzione dei canali di vendita con il boom delle librerie on line (+24,5%).Rispetto al 2009, le opere pubblicate passano da 57.558 a 63.800, con un aumento del 10,8%.

Numeri che lasciano spazio alla nascita di case editrici e all’organizzazione di attività promozionali di rilievo anche internazionale. In merito alla nuova editoria e alle nuove modalità di promozione e divulgazione culturale, da non perdere,fino al 9 dicembre a Roma,negli spazi del Palazzo dei Congressi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria,Più libri più liberi. Nata dieci anni fa da un Gruppo di piccoli editori, è oggi diventata un punto di riferimento per tutti gli appassionati, intellettuali, editori e scrittori di alto livello, arrivando con successo ad esporre 50 mila titoli e presentando un programma culturale ricco di convegni, incontri, presentazioni e performance.

Più Libri più Liberi ha come obiettivo quello di offrire maggiore visibilità alle piccole case editrici sempre più innovative e al passo con i tempi. Uno spazio sarà dedicato anche al mondo del web e all’acquisto online; tendenza sempre più in aumento per i costi bassi e competitivi del prodotto editoriale e per una maggiore e visibilità. Si pensi, infatti, che oltre un milione e 900 mila persone con età compresa tra 16 e 74 anni compra libri, giornali, riviste o ebook su Internet: sono oltre un quarto (27,8%) coloro che effettuano acquisti online.

Qualche curiositàriguardo le categorie in testa nella produzione libraria. Secondo gli ultimi dati ISTAT, al primo posto risulta la produzione letteratura moderna: i romanzi e i racconti pubblicati nel 2010 rappresentano il 20% dei titoli e il 28% delle copie stampate. Si conferma una crescita sostenuta delle opere per ragazzi, che rispetto al 2009 aumentano del 13,7% per numero di titoli e del 12,6% per tiratura.

Ma chi legge di più? Le donne confermano di essere lettrici più assidue degli uomini: legge almeno un libro, il 51,6% delle femmine rispetto al 38,5% dei maschi. Le differenze di genere sono massime tra i 15 ed i 44 anni e tendono a ridursi significativamente con l’avanzare dell’età, dopo i 60 anni. Leggono libri il 72% dei ragazzi tra 6 e 14 anni con entrambi i genitori lettori, contro il 39% di quelli i cui genitori non leggono. E dove si legge di più? Si legge di più al Nord e nel Centro del Paese, dove la percentuale di lettori è superiore al 48% della popolazione di 6 anni e più. La propensione alla lettura è minore nel Sud e nelle Isole, dove la quota di lettori scende sotto il 35%.

Per maggiori informazioni sul programma Più Libri più Liberi, visitare il sito: www.piulibripiuliberi.it

di Luisa Belardinelli

    Print       Email

1 Comment

  1. Alberto Purini ha detto:

    Ho
    letto un’intervista su Vanity Fair ad Alberto Angela e sono molto incuriosito
    dal suo nuovo libro: http://www.librimondadori.it/libri/amore-e-sesso-nell-antica-roma

     

You might also like...

Chi beve tè vive più a lungo

Read More →