Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Attualità  >  Current Article

John Elder Robison presenta il suo libro a Torino

By   /   13 Novembre 2012  /   Commenti disabilitati su John Elder Robison presenta il suo libro a Torino

John Elder Robison, ex ingegnere del suono dei Pink Floyd, da anni affetto dalla sindrome di Asperger, ha voluto presentare, rivolgendosi direttamente ai ragazzi affetti dalla sindrome, ha voluto fornir loro “indicazioni e strategie per il successo personale”, il suo libro “Be different“, ancora inedito in Italia. Robinson aveva già avuto un’esperienza letteraria nel 2006, scrivendo la sua autobiografia “Guardami negli occhi”, che ha avuto un lodevole successo divenendo un best seller tradotto in più di dieci paesi

La domanda che si è posto ed ha posto ai ragazzi presenti è la seguente: “Può una malattia come l’autismo trasformarsi in una benedizione? La risposta che si è dato ex ingegnere del suono per Kiss e Pink Floyd ed esperto della meccanica e della tecnologia è positiva.  Lui, John Elder Robison, che da 55 anni convive con la sindrome di Asperger, una forma di autismo “ad altro funzionamento” è fortemente convinto che si possa vivere bene anche con questa difficile sindrome.

La sua autobiografia “Guardami negli occhi“, uscita nel 2006, come dicevamo, è diventata una best seller tradotto in più di dieci paesi, e quando nei giorni scorsi l’ingegnere è arrivato a Torino, per gli incontri con tema “Sii Diverso. Le mie avventure con la sindrome di Asperger e i miei consigli per i compagni aspergiani“, ha dato la propria testimonianza di come si possa vivere con questa malattia.

Durante gli incontri tenuti con i ragazzi, organizzati dal Gruppo Asperger e dal Laboratorio di neuroscienze cognitive e sociali della sapienza di Roma, Robison ha presentato il suo ultimo libro “Be different” ancora sconosciuto in Italia, si è rivolto direttamente ai ragazzi affetti dalla sindrome per fornir loro “indicazioni e strategie per il successo personale.

Nel libro sono riportate le esperienze personali di chi vive con la sindrome, che potrebbero sembrare ovvi a chi non abbia idea di cosa sia la sindrome di Asperger. Ma non lo sono affatto per chi deve conviverci. Nel libro sono riportati esempi concreti, che cercano di disegnare un metodo per compensare, con la logica e l’intelletto una mancanza di intelligenza emotiva e sociale, questo tipo di deficit, infatti, è una delle condizioni più invalidanti per le cosiddette “persone Asperger”. Le quali, ad esempio, non sono in grado leggere la mimica corporea e facciale dei loro interlocutori e dunque di supporre il loro stato emotivo. Oltre ad avere forti difficoltà a guardarli negli occhi, a gestire l’attenzione condivisa e ad andare oltre il senso letterale di ciò che gli altri dicono. Ostacoli, questi, che possono comprometterne la vita di relazione, favorendo a volte l’insorgere altre di patologie, come la depressione.

La dottoressa Stefania Goffi, responsabile piemontese del gruppo Asperger, che si occupa di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema e di fornire aiuto ad adulti e ragazzi affetti dalla sindrome, è intervenuta spiegando la situazione nel nostro Paese: “C’è sicuramente una grossa carenza a livello di servizi e strumenti di diagnosi. Molti soggetti, anche dopo la diagnosi, trovano difficoltà per quanto riguarda la presa in carico da parte delle ASL che spesso non sono in grado di fornir loro un’attività precisa e programmata”.

Ilaria Minio Paluello, ricercatrice del laboratorio di neuroscienze cognitive e sociale dell’università La Sapienza di Roma, ha invece messo spiegato le difficoltà a cui sono sottoposte le persone che sono affette dalla sindrome: ”Alle persone Asperger vengono diagnosticati disturbi della personalità, come il cosiddetto Disturbo borderline: il che li porta a ricevere un trattamento di tipo psichiatrico, totalmente inadeguato. La mancata diagnosi è altrettanto pericolosa, perché lascia l’individuo in preda alla sensazione di essere semplicemente ‘difettoso’. E la frustrazione che ne consegue può favorire l’insorgere della depressione e può portare infine ad avere guai con la giustizia”.

    Print       Email

You might also like...

Covid-19. Alla fine uno esperto troverà la soluzione, come successe a Garibaldi

Read More →