Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Altri sport  >  Current Article

Volley A1M: Macerata in fuga, Latina superstar

By   /   29 Ottobre 2012  /   Commenti disabilitati su Volley A1M: Macerata in fuga, Latina superstar

Forti, fortissimi, implacabili e chissà quanti altri aggettivi servirebbero per descrivere le prime 4 partite di Macerata in campionato, una Lube perfetta, che schiaccia anche Ravenna, ancora una volta troppo fuori dal gioco. Una vittoria netta, sulla quale resta poco da dire, parziali da amichevole estiva contro formazioni meno blasonate ed invece è serie A1. Giuliani prova a mischiare le carte e a tenere a riposo Savani, come in Coppa Cev, l’intuizione è ottima tanto che Starovic a fine match risulterà il top scorer di giornata. Inutile dire che il finale è stato 3-0 per i marchigiani che hanno chiuso i set a 13-21-15.

Ottima anche la prestazione di Trento, che raccoglie i primi 3 punti utili in classifica, contro un San Giustino troppo frenato, i primi due set sono una formalità con Djuric e compagni perfetti in ogni fondamentale ed i ragazzi umbri troppo imprecisi in ricezione. L’unico set appassionante è stato il terzo, con un tirato 25-23 ed un’ottima prestazione dei martelli di San Giustino.

La vera sorpresa del campionato, però, è Latina. L’Andreoli con un’ottima regia mette in ginocchio il Bre Banca Lannutti Cuneo in tre set. I ragazzi di Prandi partono forte e conquistano i tre set chiudendo a 19-22-20. La differenza nei tre set l’ha fatta l’attacco, per i piemontesi impreciso e prevedibile, per i pontini attento e pungente, con Jarosz e Rauwerdink top players di giornata.

Modena e Castellana costruiscono e distruggono in un match che più che pallavolo sembra un harakiri, il primo set viene dominato dai pugliesi che ai vantaggi portano a casa il primo “pallino verde” nel pallottoliere. Nel secondo e nel terzo set tornano in campo i modenesi che favoriti da un pessimo muro avversario portano a casa entrambi i parziali. Nel quarto set ottima partenza degli emiliani, che sull’8-2 si perdono, lasciando campo libero ai tarantini che le provano tutte per andare al tie-break innalzando un muro sottorete, ma Modena alla distanza si sveglia e mette fine al match annullando quattro palle set e chiudendo col 29-27.

Perugia porta a casa 3 punti contro Verona, la differenza per gli umbri l’hanno fatta il muro e l’attacco, due fondamentali importanti che hanno reso Petric il trascinatore della squadra.

Al PalaBanca di Piacenza i lupi sono costretti ad abdicare al tie break, la vera outsider è Vibo, i calabresi giocano una bella pallavolo, nonostante qualche carenza a muro. Il man of the match è Coscione che in regia confeziona palloni d’oro per i vari Buti, Barone e Klapwjik.

di Marco De Palo

    Print       Email

You might also like...

Carl Fogarty e Ducati, un binomio fatto di vittorie

Read More →