Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Georgia. Tutti rivendicano di aver vinto le elezioni

By   /   2 Ottobre 2012  /   Commenti disabilitati su Georgia. Tutti rivendicano di aver vinto le elezioni

Il partito di governo e l’opposizione hanno rivendicato la vittoria alle elezioni parlamentari di ieri.

Tuttavia, i primi risultati sembrano favorevoli alla coalizione delle opposizioni guidata dal miliardario Bidzina Ivanishvili, mentre per il Presidente Mikheil Saakashvili il suo partito ha vinto ottenendo la maggioranza secondo il sistema maggioritario uninominale.

I risultati ufficiali del voto sono attesi in mattinata, ma già 77 su 150 seggi parlamentari, assegnati con voto proporzionale, sono stati contestati, mentre gli altri 73 seggi sono saranno  determinati in base al sistema maggioritario uninominale.

Dopo lo scrutinio del 12% dei voti, contando le liste di partito, il Georgian Dream (Sogno Georgiano) ha ottenuto il  54% dei voti, mentre il partito di di governo, United National Movement (UNM – Movimento Nazionale Unito per la Georgia) il 41%.

Il Presidente Saakashvili, durante la sua campagna elettorale, aveva detto che l’elezione doveva essere una scelta tra il suo governo pro occidentale e un futuro in cui Ivanishvili avrebbe permesso alla Russia di dominare l’ex repubblica sovietica. C’è da ricordare che Ivanishvili ha fatto la sua fortuna in Russia nei primi anni ’90, mentre le tensioni tra il governo del presidente Saakashvili e la Russia sfociarono in una breve guerra nel 2008 che terminò con l’espulsione delle truppe georgiane dalle regioni separatiste.

Ieri sera, dopo la chiusura dei seggi, migliaia di sostenitori dell’opposizione sono scesi in piazza per festeggiare la vittoria. “Abbiamo vinto! Il popolo georgiano ha vinto“! Ha detto il leader dell’opposizione, Ivanishvili, in un discorso trasmesso da un’emittente televisiva georgiana.

Ivanishvili, l’uomo più ricco della Georgia, si aspetta che la sua coalizione ottenga almeno 100 dei 150 seggi parlamentari. Nei commenti televisivi, il Presidente Saakashvili ha ammesso che l’opposizioneha vinto la maggioranza nel voto proporzionale“, ma ha aggiunto che “nelle circoscrizioni a voto uninominale, la maggioranza dei voti è stata assicurata al partito al governo“. Per il governo, l’UNM avrebbe ottenuto almeno 53 dei 73 seggi e che quindi disporrebbe di “una solida maggioranza”.

La Commissione Elettorale Centrale (CEC) ha detto in un comunicato che l’affluenza era stata del 61% circa e ha aggiunto che il voto aveva avuto luogo “in modo pacifico e trasparente, senza gravi incidenti“.

In realtà, il leader dell’opposizione, Ivanishvili, aveva inscenato una protesta simbolica, rifiutando di votare, dicendo che le autorità avevano “già effettuato numerose violazioni“. Nelle settimane precedenti al voto, infatti, numerosi sono stati i casi di arresti di militanti dell’opposizione. Ma le maggiori proteste di piazza sono state provocate da un video, mandato in onda sulla televisione nazionale, in cui alcuni detenuti venivano picchiati e fatto oggetto di abusi sessuali da parte delle guardie.

Anche secondo Amnesty International molti dei sostenitori di Ivanishvili sono stati “multati, licenziati, molestati o arrestati per aver espresso le loro opinioni politiche” durante la campagna elettorale.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Accuse e contraccuse tra Iran e Francia Germania e Regno Unito

Read More →