Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Turchia modello politico per i Paesi Musulmani

By   /   1 Ottobre 2012  /   Commenti disabilitati su Turchia modello politico per i Paesi Musulmani

Il Primo Ministro Turco, Recep Tayyip Erdogan, ieri rivolto al congresso dell’ AKP, il partito islamico-radicale che ha dominato la Turchia per un decennio, ha detto che il suo partito politico è diventato il modello da seguire per i Paesi musulmani. Ci siamo chiamati democratici conservatori, abbiamo concentrato il nostro cambiamento in materia di diritti fondamentali e di libertà. Questo comportamento è andato oltre i confini del nostro paese ed è diventato un esempio per tutti i paesi musulmani“.

Il partito AKP (Adalet ve Kalkınma Partisi,  che significa Giustizia e Sviluppo) è un partito islamico-conservatore di centro-destra sul modello dei partiti cristiano-conservatori o cristiano-democratici d’Europa. Ha vinto per 3 volte consecutive, dal 2002, ponendo fine ad una storia di colpi di stato militari e di fragili governi di coalizione.

Dalla sua ascesa al potere Herdogan ha promosso una forte crescita economica e una politica estera più decisa, coniugando liberalismo economico con il conservatorismo religioso. I critici, tuttavia, lo accusano di uno stile conflittuale della politica.

Tra gli ospiti ad Ankara c’erano i Presidenti di Egitto, Mohammed Mursi, e Kirghizistan, Almazbek Atambayev, il Presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno, Massoud Barzani, e Khaled Meshaal, leader politico in esilio del gruppo palestinese di Hamas. Secondo quest’ultimo il partito AKP ha mostrato il “volto luminoso dell’IslamErdogan non è solo un leader in Turchia, ma un leader nel mondo musulmano“.

Proprio questo infatti è stato un passaggio importante del discorso di Herdogan, ormai alla guida del Paese da 9 anni. Le sue parole potrebbero essere interpretate come la volontà di voler proiettare la Turchia, e quindi se stesso, in un ruolo guida nell’ambito della regione Medio-Orientale.

Già nel recente passato, in termini di politica estera, la Turchia ha assunto posizioni di un certo rilievo. Solo alcuni esempi: lo scorso anno si mise a capo della flottiglia di pacifisti decisi a forzare il blocco Israeliano alla striscia di Gaza. Episodio che purtroppo finì in tragedia, 9 cittadini turchi trovarono la morte, e creò momenti di forte tensione con Israele ma anche di consensi da parte dei Palestinesi e di larga parte del mondo, non solo arabo.

Poi c’è stata la posizione conciliante e intermediaria assunta sulla questione nucleare Iraniana, con  incontri ad Istanbul di varie delegazioni internazionali, tra cui quella Brasiliana e Venezuelana. Sulla questione Siriana si è schierata contro il governo del Presidente Bashar al-Assad, già prima dell’episodio dell’abbattimento dell’F-4 (Phantom) da parte della controaerei Siriana, ed ha aperto le frontiere ai campi profughi e ai gruppi dell’opposizione.

Insomma, in una regione pervasa da forti sconvolgimenti, ancora percossa e instabile, specialmente nei Paesi arabi nordafricani (quelli della Primavera Araba), la Turchia appare, al momento, l’unico Paese compatto e credibile e il suo modello sociale potrebbe veramente essere esportato in altri del mondo arabo.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Il Commissario europeo Oliver Varhelyi in Albania

Read More →