Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Reportage Romics 2012

By   /   1 Ottobre 2012  /   2 Comments

Roma. Anche quest’anno la Nuova Fiera di Roma ha ospitato Romics, la fiera del fumetto della Capitale. Per dare un giudizio a questo evento va fatta una distinzione fondamentale: il giovedì ed il venerdì sono i giorni prediletti dagli appassionati perché ci sono relativamente poche persone, molti amanti del fumetto e collezionisti che vagano in cerca di qualche pezzo raro ad un buon prezzo.

Mentre il sabato e la domenica sono dedicati all’invasione dei Cosplayer! Migliaia di ragazzi travestiti, più o meno bene, come i  beniamini dei fumetti o degli Anime. Ovviamente anche il sabato e la domenica è possibile incrociare qualche visitatore “in borghese” ma è sempre più raro.

Romics ormai sta diventando, e per qualcuno lo è già da anni, la fiera del Cosplay ed in effetti girando per gli stand commerciali sono sempre di più quelli che vendono articoli dedicati a questo hobby rispetto a chi vende i fumetti.

Quest’anno erano dedicati all’evento 3 padiglioni. Due riservati ai comics ed ai games, con l’immancabile postazione gigante della Nintendo (dedicata alla Wii U), ed uno per gli incontri, le mostre e le proiezioni. Le mostre espositive erano due: una dedicata al grande musicista\ fumettista Ivan Graziani ed una in onore del vincitore del Romics d’oro Massimiliano Frezzato.

Tanti gli autori presenti agli stand degli editori come: Stefano Caselli (Panini), Giacomo Bevilacqua (GP), Yoshiko Watanabe (GP), Giovanni Masi e Federico Rossi Endrighi (GP), Andrea Domestici (Nuvoloso), Stefano Simeone (Tunué), Luca Russo (Tunué), Aoi Homori (Rw-Goen) ed ovviamente i tantissimi autori Bonelli presenti allo stand per dedicare le litografie omaggio.

Anche le due scuole di fumetto della capitale avevano i loro stand, sia la Scuola Romana dei fumetti che la Scuola Internazionale di Comics erano presenti con dimostrazioni pratiche dei  loro studenti. In particolare la Scuola Internazionale di Comics presentava il primo volume di una serie di manuali sul Manga. L’autrice di questi manuali, Midori Yamane (insieme a Mauro Cao), era presente allo stand della Scuola a disposizioni dei curiosi e degli aspiranti mangaka.

Allo stand della Magic Press era disponibile il volume di Tarzan del compianto Joe Kubert, vera e propria leggenda del fumetto USA, recentemente scomparso, che con questo splendido volume “vintage” speriamo venga ricordato per molti anni ancora dagli appassionati di fumetti.

Tra gli stand “commerciali” c’erano quasi tutte le più importanti fumetterie italiane,  alcune sfoggiavano dei veri e propri pezzi da collezione come i cofanetti dei new 52 e le variant (Ultra, Super,ecc.) dei primi 3 numeri Dc comics. Alcuni stand, visto il momento di crisi generale, si sono auto imposti la politica del “no allo sconto” e, dispiace dirlo, erano tristemente inattivi e circondati da merce a prezzo pieno.

Interessantissima la presenza allo stand della Scuola internazionale di Comics del negozio Nero di China che vendeva (prima in Italia) materiale tecnico per fumettisti, dai colori della Copic alle Pen Brush della Pentel passando per i manuali tecnici.

Concludendo una Romics che dovrebbe trovare un equilibrio migliore tra appassionati e coplayer, magari riservando una spazio più attrezzato per i ragazzi che vogliono sfoggiare i loro costumi, permettendo agli stand e visitatori di vivere meglio l’evento commerciale.

Prima di concludere una piccola anticipazione editoriale fornitami dalla Italycomics: Il bellissimo fumetto della IDW Frankenstein di Steve Niles e Bernie Wrightson, dedicato al personaggio di Mary Shelley, sarà pubblicato in Italia da loro. Quindi se amate l’horror di altissimo livello tenete d’occhio la vostra fumetteria o prenotatelo sul sito di e-comics.it.

Concludendo una fiera divertente, caotica, stancante ma soddisfacente (almeno per i visitatori). Quest’anno non vi saluto con il canonico ci vediamo l’anno prossimo perché Romics raddoppia e ritornerà ad Aprile dal 4 al 7 sempre alla Nuova Fiera di Roma. Quindi ci vediamo in primavera!

Di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

2 Comments

  1. Renatoumberto ha detto:

    Grazie per la precisazione. 
    Come avrai notato alcuni dei vostri ospiti erano stati comunque citati nell’articolo.

  2. Scuolaromanadeifumetti ha detto:

    Comprendiamo la “par-condicio”, ma la Scuola Romana dei Fumetti ha ospitato nel suo stand autori come Stefano Caselli, Massimo Rotundo, Arianna Rea, Marco Gervasio, Maurizio Di Vincenzo, Yoshiko Watanabe, Giada Perissinotto, Mauro Laurenti e tanti altri ancora. Grazie comunque per averci nominati.

You might also like...

Gherd La ragazza della nebbia

Read More →