Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Siria: 300mila i rifugiati, per Onu 700mila entro fine anno

By   /   27 Settembre 2012  /   Commenti disabilitati su Siria: 300mila i rifugiati, per Onu 700mila entro fine anno

Continua a crescere l’emergenza umanitaria in Siria. Sono già 300mila i rifugiati fuggiti dalle violenze in corso nel Paese, ed entro fine anno il loro numero potrebbe salire a 700mila. Lo prevede l’Alto commissariato dell’Onu per i diritti umani, con sede a Ginevra. Lo scorso marzo i rifugiati registrati erano 41.500, sette volte meno.

Le Nazioni Unite e le organizzazioni partner lanciano oggi un appello aggiornato da 487,9 milioni di dollari per fornire assistenza ai rifugiati siriani. Il Piano di Risposta regionale per i Rifugiati siriani (Regional Response Plan for Syrian Refugees) descrive le iniziative pianificate da 52 organizzazioni umanitarie, coordinate dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), per assistere i flussi sempre più consistenti di rifugiati siriani.

Panos Moumtzis, il Coordinatore regionale dell’Unhcr per i rifugiati siriani, ha riferito che molti rifugiati arrivano portandosi solo i vestiti che avevano indosso al momento della fuga. I rifugiati hanno dunque bisogno di assistenza umanitaria fin dal momento dell’arrivo.

L’appello dell’Onu del marzo scorso prevedeva che circa 100mila siriani sarebbero fuggiti dal proprio paese entro la fine del 2012 (un numero superato a luglio), mentre l’appello lanciato oggi stima che i rifugiati siriani nei paesi confinanti potrebbero raggiungere le 700mila unità a fine dicembre.

Giordania, Libano, Iraq e Turchia sono i paesi dove si riversano maggiormante coloro che fuggono dalle violenze. Il campo profughi di Zaatri, in Giordania, inaugurato a fine luglio, ospita oggi circa 32mila rifugiati siriani. Il campo di Domiz, in Iraq, vicino alla città di Dohuk, nel nord del paese, accoglie invece oltre 27mila rifugiati siriani. In Turchia, dove il governo si è assunto la responsabilità totale per la gestione dei campi profughi, la stragrande maggioranza dei rifugiati siriani è ospitata nei tredici campi esistenti, che accolgono quasi 88mila persone. In Libano, la maggior parte dei rifugiati vive in appartamenti in affitto o è ospitata da famiglie libanesi.

Le donne ed i bambini costituiscono il 75 percento dei rifugiati siriani. Per questo motivo l’istruzione e le cure sanitarie sono tra le priorità di questa emergenza. Stando alla Direttrice regionale per il Medio Oriente ed il Nord Africa dell’Unicef, Maria Cavilis, la sfida cui bisogna far fronte a tutti i costi è garantire che tutti i bambini siriani rifugiati siano a scuola, immunizzati con tutti i vaccini e vestiti in maniera adeguata per i rigori invernali sempre più vicini.

di Elisa Cassinelli

    Print       Email

You might also like...

Task Force USA in rotta verso il Venezuela contro il narcotraffico

Read More →