Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Crossed Valori di famiglia

By   /   2 Settembre 2012  /   Commenti disabilitati su Crossed Valori di famiglia

Se dovessi dare una definizione breve e concisa di Crossed sicuramente direi che è la versione scritta sotto acidi di The Walking Dead.

Ideata da Garth Ennis (autore di Preacher, Punisher, the boys e Hitman) nel 2008, per la casa editrice americana Avatar Press, questa serie si caratterizza da subito per la quantità estrema di violenza, situazioni grottesche e perverse.

La struttura narrativa di Crossed è quella delle miniserie; ogni volume contiene un ciclo di storie auto conclusivo. Nel primo volume i lettori hanno fatto la conoscenza con gli scrociati, ovvero le persone infettate da questo virus sconosciuto che le rende delle macchine di morte guidate da una incontenibile sete di sangue e da una irrefrenabile perversione. In ogni volume i protagonisti sono un gruppo di sopravvissuti che devono sfuggire alle orde di scrociati in cerca di carne fresca da mangiare (dopo indicibili sofferenze e torture).

I personaggi al centro delle vicende di questo volume, intitolato valori di famiglia, sono i componenti della famiglia Pratt, allevatori di cavalli, che ancora prima di essere coinvolti nell’epidemia vivevano un’esistenza travagliata. Il capo famiglia infatti dietro ad una facciata di cowboy tutto d’un pezzo nasconde un terribile segreto fatto di abusi nei confronti delle figlie.

Presto però il problema principale della famiglia Pratt sarà sopravvivere in un mondo dove gli scrociati stanno portando ovunque morte e disperazione.

I Pratt troveranno un luogo dove sembra che i folli infettati non siano presenti, ma le vecchie abitudini sono dure a morire e Joseph, il capo famiglia, creerà una comunità ancora più inquietante di quella degli scrociati.

La storia di questo volume è scritta da David Lapham, autore da sempre a suo agio con le storie violente e horror. In questa storia scritta da Lapham l’autore scatena la sua immaginazione creando un mondo costellato quasi interamente da mostri. Joseph con la sua perversione e la moglie, che non riesce a difendere le proprie figlie da un padre violento,  che sceglierà di diventare a sua volta un mostro. L’ambientazione utilizzata permette a Lapham di realizzare una storia quasi Western che, a mio parere, strizza l’occhio ad opere come “C’era una volta il West”.

A differenza di quanto visto nel primo volume, scritto dal creatore della serie G. Ennis, Lapham sembra voler scatenare tutto il peggio che la mente umana possa concepire, con una particolare predilezione per l’incesto e la violenza sessuale. C’è da dire che comunque un “filo rosso” unisce le opere di Ennis e di Lapham ovvero il finale del volume in cui c’è sempre una parvenza di salvezza per i pochi sopravvissuti a 176 pagine di efferatezze.

I disegni sono di Javier Barreno, autore in forza alla Avatar Press, dallo stile dettagliato molto simile a quello di Jacen Burrows autore della prima miniserie. Il livello di Barreno è buono, ma spesso si notano dei cali evidenti soprattuto nelle anatomie dei personaggi. Sicuramente la tecnica e l’esperienza di Barreno è inferiore a quello di Burrows ma credo che con il tempo anche lui riuscirà a raggiungere un livello tecnico ed uno storytelling altissimo.

L’edizione italiana di Crossed è opera della Panini Comics che per una volta si caratterizza per una cura editoriale di livello superiore a quello dell’edizione USA. All’interno del TP sono presenti quasi tutte le cover (ma ne mancano purtroppo molte di quelle più “forti”) ed in apertura c’è un’introduzione ben fatta, senza i “consigli per gli acquisti” consueti nelle pubblicazioni della Panini.

Molto interessanti le copertine che riprendono quadri di grandi artisti americani come Grant Wood e Norman Rockwell.

Visti i contenuti particolarmente violenti e  le scene esplicite i volumi di Crossed vengono venduti confezionati con carta trasparente per evitare ai giovani lettori di sfogliare i volumi che sono dedicati ad un pubblico maturo (probabilmente il volume è catalogato V.M18).

Crossed è un fumetto particolare, spesso si leggono analisi pseudo sociologiche sul significato di questa serie, e su quello che dovrebbe rappresentare. Io personalmente credo che questo fumetto sia un ottimo Horror (splatter\gore) che prende spunto dalle paure di tutte le persone riuscendo così ad impressionare e disgustare il lettore. Ovviamente un simile comics è destinato ad un pubblico adulto  e dallo stomaco forte, nelle pagine di questa serie le efferatezze e le scene disgustose sono all’ordine del giorno.

Se amate il genere Horror e non vi lasciate impressionare da immagini violenti ed esplicite questo fumetto potrebbe piacervi.

Se siete impressionabili e non amate l’horror lasciate Crossed sullo scaffale della fumetteria e comprate altro, finireste per pentirvi della spesa.

Crossed Valori di famiglia. Brossurato, a colori, 176 Pag. Euro 16,00 Panini Comics.

V.M. 18 anni

Di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

You might also like...

Nasce Moleste: collettivo per la parità di genere nel fumetto

Read More →