Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Olimpiadi  >  Londra 2012  >  Current Article

Al via domani le Paralimpiadi 2012

By   /   28 Agosto 2012  /   Commenti disabilitati su Al via domani le Paralimpiadi 2012

Sono circa cento gli azzurri che da domani saranno impegnati alle Paralimpiadi di Londra, un’Olimpiade che stima la presenza di oltre 4200 atleti provenienti da 166 nazioni che si confronteranno in venti discipline, dall’atletica leggera, al canottaggio, alla boccia.

Edizione questa che entrerà nella storia per avere battuto il record di atleti partecipanti e di biglietti venduti: due milioni. La cerimonia d’apertura avrà luogo domani alle ore 22 (ora italiana) quando sarà acceso il braciere paralimpico. È già iniziata la marcia dei tedofori verso lo Stadio olimpico di Londra: oggi la torcia paralimpica è a Cardif, domani sarà Stoke Mandeville, sede storica del Movimento Paralimpico.

Come dicevamo circa cento gli azzurri impegnati nell’atletica nelle discipline presenti alle Paralimpiadi: basket, canottaggio, ciclismo, equitazione, nuoto, scherma in carrozzina, tennis, tennis tavolo, tiro con l’arco, tiro a segno, vela.

Non è stato convocato, o meglio è stata annullata la convocazione, del paraciclista Fabrizio Macchi, escluso dalla nazionale a poche ore dalla partenza per Londra. Macchi è coinvolto nell’ambito di un’inchiesta che vede protagonista Michele Ferrari, discusso medico già chiamato in causa per i casi di doping di Armstrong e Schwazer. In queste ore espulsi dai Giochi anche due corridori Elena Chistilina (Russia) e Luis Carlos Martins Goncalves (Portogallo) risultati positivi ad alcuni stimolanti. Il doping nello sport paralimpico è una materia molto delicata.

Spesso nel nostro mondo il doping è figlio di ignoranza rispetto all’assunzione di qualche farmaco che magari qualcuno è costretto a prendere per via della propria patologia, piuttosto che per altri motivispiega Luca Pancalli, presidente del comitato italiano paralimpico Nessun alibi, nessuna scusante. Accanto ai controlli che sono doverosi, abbiamo cominciato a educare affinchè ci sia una promozione in termini di responsabilità da parte degli atleti e dei loro tecnici”.

    Print       Email

You might also like...

Il Nuovo Latina Lady vince contro lo Sporting Latina Women

Read More →