Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Semplice di Stefano Simeone

By   /   2 Agosto 2012  /   Commenti disabilitati su Semplice di Stefano Simeone

La recensione di oggi è dedicata al lavoro d’esordio di un giovane autore romano Stefano Simeone. Il titolo della sua Graphic Novel è: Semplice, ma secondo il giudizio del sottoscritto di semplice in questa opera c’è solo il nome.

Questo libro vede protagonista assoluto un  ragazzo, come molti altri, di nome Mario, giovane, fantasioso e con tanti sogni nel cassetto. La sua vita tranquilla ed in parte monotona verrà sconvolta dall’arrivo in città di un gruppo di studenti universitari, tra i nuovi arrivati ci sarà Giada che farà perdere la testa a Mario. Dicevamo in apertura che di semplice c’è solo il nome, infatti nel corso delle avventure vissute da Mario si susseguiranno diversi “sogni ad occhi aperti” con trasformazioni e visioni “oniriche” di quello che lo circonda. Una visione poetica e sognante della vita che molti vorrebbero poter avere, come Mario, ma che non riescono a comprendere pienamente. Infatti Mario vivendo la sua quotidianità attraverso questa visione della vita, dove la fantasia la fa da padrona, riesce a vivere un’esistenza che va oltre l’immaginazione di tutti  gli altri in primis di quei ragazzi di città, che lui considera odiosi, che si riempono la bocca di paroloni per darsi una sembianza da intellettuali.

L’unico che riesce, in parte, a condividere la visione della vita di Mario è il vecchietto che custodisce gelosamente la ruota panoramica “Brenda”.

Dal punto di vista editoriale questo volume della casa editrice Tunué si dimostra un ottimo volume, brossurato e stampato su di un’ottima carta che valorizza molto la resa dei colori di Simeone.

I disegni sono buoni, in alcuni momenti molto minimal, mentre il alcune sequenze emerge il grandissimo talento di Simeone quando utilizza tecniche di grande impatto visivo come gli acquarelli. Sicuramente Simeone si è ispirato al grande Sean Murphy per la resa grafica di questo libro, anche perché Semplice è sicuramente in parte ispirato a Joe the barbarian, anche se l’opera di Murphy e Morrison è più orientata all’azione mentre il libro di Simeone è più romantico ed intimista.

I colori sono volutamente “vintage” con tonalità spente e quasi mai brillanti, scelta, questa dei colori complementare alla storia, infatti i colori spenti danno al lettore la sensazione di lentezza e monotonia che è la caratteristica principale della città di Mario.

Concludendo un libro interessante, ben confezionato, che racconta una storia originale con protagonista un ragazzo “semplice” ma con una fantasia sfrenata che gli permettere di essere “super”, almeno nella sua immaginazione.

Semplice. Tunué Edizioni, brossurato, 175 Pag. A colori. Euro 16,90.

di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

You might also like...

Gherd La ragazza della nebbia

Read More →