Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Siria. L’Esercito lancia l’attacco ad Aleppo

By   /   28 luglio 2012  /   1 Comment

L’attacco, che da giorni si preparava, è stato lanciato questa mattina. Forze di terra ed aeree hanno attaccato le postazioni dei ribelli nei quartieri sud occidentali della città.

Il Free Syrian Army (FSA) ed i ribelli dicono di avere respinto un’incursione e distrutto alcuni carri armati. Tuttavia, non c’è possibilità di verificare quanto affermato poiché a nessun giornalista straniero è permesso di essere presente.

Violenti scontri si riportano intorno ai quartieri di Salh al-Din e Hamdanieh, nel centro di Aleppo. Qui la Croce Crescente ( la Croce Rossa Araba) ieri ha dovuto sospendere le operazioni di soccorso per l’incalzare dei combattimenti.

L’Occidente ha già denunciato la possibilità che in Aleppo si consumi un massacro e dalle prime voci raccolte sembra che ci siano già numerosi morti. Infatti, le forze dell’Esercito regolare sovrastano in numero e qualità di armamento quello dell’FSA e dei ribelli.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon ha chiesto alla Siria di fermare l’offensiva e che per nessuna ragione faccia uso delle armi chimiche. Damasco ha implicitamente accettato che non userà le armi chimiche contro il suo popolo, ma solo contro eventuali stranieri.

La televisione di stato dice che i ribelli, dopo aver fallito in Damasco, cercano ora di trasformare Aleppo nella loro roccaforte di terrorismo.

Per l’ex capo missione degli osservatori ONU, Maggior Generale Robert Mood , è solo questione di tempo, ma il Presidente Assad è destinato a cadere.

L’Osservatorio Siriano dei Diritti Umani ha intanto diffuso i dati relativi alle vittime che sono 19.106, dall’inizio delle manifestazioni anti-governative, marzo 2011, e di questi circa 10.000 sono decedute nel solo mese di maggio.

di Vito Di Ventura

    Print       Email
  • Pierpaolo

    Intanto lo sforzo delle Forze Armate Siriane per riprendere il controllo dell’intera città di Aleppo sta dando i primi frutti positivi: i due tecnici italiani rapiti e sequestrati dai contras una decina di giorni or sono sono stati liberati.

You might also like...

ISIL 4

Un’altra esecuzione di massa da parte dei jihadisti dello Stato Islamico

Read More →